Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Presentato "Orienta Salute"

Società
21 gennaio 2019

Udine, nasce il portale che promuove salute e assistenza di qualità

di redazione (fonte Uniud)
Accoglierà i contributi dei cittadini, dei Comuni, delle associazioni di volontariato, del terzo settore
CONDIVIDI
28090
Il tavolo dei relatori
Società
21 gennaio 2019 di redazione (fonte Uniud)

Da oggi è on line, pronta ad accogliere i contributi dei cittadini, dei Comuni, delle associazioni di volontariato, del terzo settore: si chiama Orienta Salute ed è la piattaforma che intende essere luogo in cui costruire reti in grado di promuovere salute e un’assistenza di qualità insieme alle realtà del territorio. Il progetto è stato presentato presso la sede del CISM – Centro internazionale di scienze meccaniche di Udine, dall’Officina Persone, comunità e servizi sociosanitari, che opera nell’ambito del progetto “Cantiere Friuli” dell’Università di Udine.

A condividere l’avvio ufficiale, gli attori che ne hanno reso possibile la realizzazione e rappresentanti istituzionali, fra cui l’assessore regionale alla salute, politiche sociali e disabilità, Riccardo Riccardi. Dopo gli onori di casa, a cura di Mario Pezzetta, presidente ANCI Fvg, la parola è passata a Damiano Degrassi, presidente della Fondazione CREF - Fondazione Centro ricerche economiche e formazione, da cui tutto ha avuto inizio. «Abbiamo voluto fortemente questo progetto, reso possibile grazie al forte sostegno di Fondazione Friuli – ha ricordato Damiano Degrassi - Orienta Salute è una “piattaforma intelligente” che vuole mettere in rete e fare interagire le realtà di volontariato e le istituzioni locali attive nella sanità e nel sociale».

Sono quindi intervenuti Giuseppe Napoli, presidente di Federsanità ANCI, il rettore dell’Ateneo friulano, Alberto De Toni, e Mauro Pascolini, coordinatore del progetto “Cantiere Friuli”.

«Orienta Salute – ha spiegato Silvio Brusaferro, direttore del Dipartimento di Area medica dell’Ateneo e responsabile dell’Officina Persone, comunità e servizi sociosanitari – è soprattutto un’opportunità per rendere visibili le esperienze positive del territorio legate alla costruzione di reti per promuovere la salute. La qualità di vita e il benessere di ognuno di noi dipende infatti molto dalla nostra capacità di avere reti di relazioni L’idea è mettere a disposizione del territorio uno strumento per lavorare insieme e valorizzare le buone pratiche già in corso per le quali stiamo anche pensando ad una giornata dedicata, da organizzare entro giugno 2019».

Una piattaforma evolutiva pensata dunque per «favorire scambi e interazioni mettendo a confronto – ha precisato il dott. Mario Casini, responsabile scientifico del progetto – le esperienze dei professionisti, di quanti devono affrontare ogni giorno problemi di salute e delle organizzazioni che si impegnano a mantenere alta o a migliorare la qualità di vita di persone con fragilità. Il lavoro di squadra è fondamentale. Solo così è infatti possibile affrontare al meglio la complessità delle situazioni quotidiane».

Il portale è costruito in collaborazione con il Dipartimento di Scienze matematiche, informatiche e fisiche dell’Ateneo, diretto da Gianluca Foresti, che ne ha fatto uno strumento innovativo e multimediale.

Due le sezioni principali in cui i contenuti troveranno spazio. «La prima, denominata “Officina Welfare” – ha spiegato Carolina Laperchia, giornalista e responsabile di produzione di Orienta Salute – si propone come luogo virtuale dove progetti già in corso, a sostegno delle persone anziane fragili e della natalità, vengono raccontati e valorizzati attraverso video-interviste dedicate. La seconda sezione, “le sfide per la salute”, intende invece offrire approfondimenti su tematiche ad alto impatto socio-sanitario attraverso un approccio globale e integrato; una metodologia di analisi che va dall’ inquadramento clinico del problema alla raccolta di voci e testimonianze di chi, quel problema, lo vive quotidianamente; dalla mappatura dei servizi del territorio ad uno spazio dedicato alla prevenzione/gestione del disturbo».

Per inviare proposte e suggerimenti, gli utenti possono scrivere a redazione@orientasalute.it e carolina.laperchia@uniud.it.

Commenti (0)
Comment