Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Dopo gli apprezzamenti a New York

Società
24 settembre 2018

Il frico friulano strega l'Islanda

di redazione (fonte Savio)
Da qualche tempo l'azienda Savio è presente con la variante croccante della specialità a base di formaggio e patate, nel paese nordeuropeo. Con gradimento dei consumatori
CONDIVIDI
26807
Il Frico Savio in vendita in Islanda
Società
24 settembre 2018 di redazione (fonte Savio)

Dopo gli Stati Uniti, l'Islanda. L'azienda Savio di Bueriis di Magnano in Riviera ha cominciato le esportazioni del suo frico croccante, con una confezione da 120 grammi, nella “terra dei ghiacci”, ampliando ulteriormente le sue esportazioni. «Abbiamo stretto un rapporto di collaborazione con un'importante catena islandese di supermercati - commenta Franco Savio, titolare dell'omonima azienda che opera da oltre mezzo secolo - e i riscontri, finora, sono stati ottimi. Siamo andati oltre le previsioni, tant'è che ci sono già stati diversi riordini del prodotto in pochi mesi».

I consumatori del paese nordeuropeo, dunque, dimostrano di gradire il piatto tipico friulano, proposto in questo caso nella versione “snack”, ovvero quella che prevede il frico croccante in quadratini, ideale per essere un azzeccato e gustoso accompagnamento per un aperitivo (e non solo). E i risultati incoraggianti maturati in Islanda potrebbero aprire a nuove strade: «Stiamo pensando di introdurre su quel mercato, per ampliare il ventaglio di scelte e garantire maggiore praticità, anche formati di peso minore rispetto ai 120 grammi che proponiamo ora, così come stiamo lavorando pure per esportare il nostro frico già pronto, nella variante classica e non solo - prosegue Savio -. Non escludo nemmeno, per quanto concerne le azioni nel mercato islandese, di proporre un domani i prodotti con packaging dedicati a private label».

Eppure, il titolare ha un sassolino nelle scarpe da togliersi. «Siamo riusciti a sbarcare in Islanda grazie alla collaborazione con un produttore veneto di vini che opera in quello Stato. Dispiace soltanto - conclude - che le sinergie con le aziende friulane siano più difficili. Sarebbe bello promuovere assieme i prodotti della nostra terra, portando benefici a tutti. È un peccato che da quell'orecchio molti non ci sentano».

Dopo gli Usa, un'altra “incursione” di successo per l'impresa friulana sui mercati esteri. Savio, infatti, sarà presente a New York ancora per qualche tempo nel contesto di Smorgasburg, il più grande mercato all'aperto di cibo in America capace di attirare dalle 20.000 alle 30.000 persone nel fine settimana a Brooklyn. All'interno della kermesse, che di sabato è ospitata nel quartiere di Williamsburg e di domenica invece a Prospect Park, è presente uno stand che prepara il tipico frico a base di formaggio e patate, in abbinamento anche ad altri ingredienti di qualità come il prosciutto, le verdure e le salse.

Commenti (0)
Comment