Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Fino al primo ottobre

Cultura e Spettacolo
01 agosto 2017

Casarsa, prorogata la mostra su Elio Ciol

di Margherita Reguitti
Esposte 67 opere provenienti dal fondo fotografico di oltre 500 scatti che l'artista ha donato alla città
CONDIVIDI
20618
Elio Ciol, Stazione di Milano
Cultura e Spettacolo
01 agosto 2017 di Margherita Reguitti Image

Sarà prorogata fino al 1° ottobre 2017 la mostra “Elio Ciol nei musei e nelle collezioni fotografiche internazionali”, allestita nella sala consiliare dell’ex Municipio in piazza IV Novembre di Casarsa della Delizia e promossa dal Comune con il sostegno, fra gli altri, della Regione e della Fondazione Friuli.

Aperta a fine maggio, l'esposizione è stata visitata da un pubblico numeroso, da qui la scelta dei promotori di prorogarne l'apertura. “In questo modo - ha spiegato l’assessore alla cultura di Casarsa della Delizia Fabio Cristante - daremo la possibilità ad ancora più persone di conoscere l’arte fotografica di Ciol, proponendo anche nuovi eventi collaterali fra i quali, a fine settembre, un convegno sulla filosofia della fotografia."

In mostra, nell'edificio progettato dall'architetto Gino Valle, 67 opere provenienti dal fondo fotografico di oltre 500 scatti che Ciol, nato a Casarsa nel 1929, ha donato alla città. Un fondo che comprende anche lavori importanti e famosi, esposti in musei internazionali, dal Metropolitan Museum di New York e dal Victoria and Albert Museum di Londra solo per fare alcuni esempi. Lavori che rivelano come da sessant'anni Ciol scriva con la luce, tracciando un lungo e affascinante itinerario fotografico.

L’esposizione, curata da Guido Cecere, docente di fotografia all’accademia delle Belle Arti di Venezia con la collaborazione di Massimo Carboni, docente all’università della Tuscia di Viterbo e all’Accademia di Firenze, è corredata da un corposo catalogo.

Il percorso espositivo prosegue anche nel vicino Centro Studi Pier Paolo Pasolini, dove fino alla metà di agosto sono esposte foto del poeta scattate tra Casarsa e Roma, comprese quelle di Pasolini in visita con Maria Callas alla casa materna, oggi sede del centro. Questa sezione, intitolata “A Pier Paolo” e basata sul portfolio donato da Ciol nel 2012, è curata da Vincenza Crimi di studio Il Glifo.

Le mostre sono aperte da lunedì al venerdì su prenotazione al numero 0434 873981 o scrivendo a biblioetca@comune.casarsadelladelzia.pn.it.

Sabato aperto dalle 15 alle 19 mentre domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19.

Commenti (0)
Comment