Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Bando per giovani a Monfalcone

Attualità
23 giugno 2016

Come migliorare (o sognare) la città?

a cura della redazione
Entro il 15 luglio l'invio di progetti concreti in ambito artistico, urbano, ambientale: i migliori saranno finanziati. Spazio anche a quelli impossibili da realizzare...
CONDIVIDI
14841
Il concorso di idee mette in palio fino a 2.000 euro per la realizzazione dei progetti
Attualità
23 giugno 2016 della redazione

Ultimi giorni per partecipare al bando NOI LA CITTÀ: entro il 15 luglio, infatti, per tutti i giovani sarà possibile presentare i propri progetti da realizzare o proporre le proprie utopie. Il Centro Giovani di Monfalcone infatti lancia il bando di idee NOI LA CITTÀ per “dare le gambe” alle energie positive dei giovani, garantendo supporto, mezzi necessari e riconoscimento alle progettualità proposte. Infatti, i promotori di progetti concreti potranno ricevere finanziamenti fino a 2000 euro per realizzarli (con la possibilità di avere altri sponsor), mentre i promotori di progetti impossibili da realizzare saranno premiati con ingressi e/o buoni acquisto gratuiti: cosa e quando lo sceglieranno loro, anche grazie al contributo della BCC di Fiumicello e Aiello.

Il bando si compone di due sezioni distinte: la prima riguarda progetti concreti (progetti di animazione, artistici, urbani, ambientali, tecnologici...), la seconda invece richiede la formulazione di progetti impossibili da realizzare (ironici, utopici, assurdi, folli, irrealistici…). NOI LA CITTÀ vuole essere un’opportunità per poter fare qualcosa in primo luogo per gli stessi partecipanti ma anche, in generale, per tutta la comunità di Monfalcone. Possono partecipare al bando i giovani tra i 14 e i 30 anni indipendentemente dalla residenza o dalla cittadinanza, purché riuniti in gruppi informali composti da almeno 3 persone (di cui almeno una maggiorenne).

Per agevolare al massimo la più ampia partecipazione – anche dei giovani che non sono esperti nella stesura dei progetti – gli operatori del Centro Giovani metteranno a disposizione un servizio gratuito di tutoraggio, che accompagnerà chiunque abbia una buona idea nel percorso che porta alla presentazione della propria candidatura. Sempre a proposito di possibilità date ai meno esperti, NOI LA CITTÀ prevede che almeno un posto sul “podio” per ogni sezione sia destinato a gruppi composti da ragazzi sotto i 19 anni (ma con almeno un maggiorenne al suo interno).

Per la sezione dei progetti concreti, i vincitori saranno quelli che avranno ottenuto il punteggio maggiore da una giuria che li valuterà in base a criteri quali originalità, fattibilità, qualità, durata del progetto e dei suoi risultati. Relativamente alla sezione dei progetti impossibili, le idee verranno premiate in base a criteri quali grado d'innovazione, ironia, visione utopica e qualità della presentazione dell'idea progettuale stessa. Ma non solo: chi lo vorrà, potrà realizzare un video promozionale che presenti la propria idea, pubblicarlo e condividerlo sulla pagina dedicata del sito www.centrogiovanimonfalcone.it: il numero di “mi piace” ottenuto accrescerà il punteggio finale dell'idea progettuale presentata.

Tutte le informazioni più dettagliate si possono trovare direttamente sul sito del Centro Giovani (www.centrogiovanimonfalcone.it), dove sarà possibile anche scaricare il regolamento completo del bando e aggiornarsi circa la composizione del “montepremi”; in alternativa si può contattare lo staff del Centro Giovani scrivendo all’indirizzo centrogiovanimonfalcone@coopthiel.it, oppure passare di persona al Centro Giovani durante gli orari di apertura del servizio.

Il bando NOI LA CITTÀ, così come il Centro di Aggregazione Giovanile, è promosso dall’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Monfalcone, gestito dalla Cooperativa Sociale “Thiel” / Consorzio “Il Mosaico” di Gorizia e realizzato anche grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia.

Commenti (0)
Comment