Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Il Comune contro gli aumenti previsti dall'Azienda Sanitaria

Sport
21 marzo 2014

Monfalcone, proteste per visite mediche sportive troppo care

a cura della redazione
Presa di posizione dell'assessore allo Sport, Omar Greco: "Famiglie in difficoltà economiche rischiano di essere tagliate fuori".
CONDIVIDI
4705
Il costo della visita sportiva per attività agonistica è salito a quota 52,15 euro
Sport
21 marzo 2014 della redazione

Aumentano di quasi il 70% le tariffe per le visite agonistiche, e le associazioni sportive di Monfalcone insorgono: i costi infatti rischiano di tagliare fuori dalla possibilità di praticare uno sport famiglie già alle prese con situazioni economiche difficili. Ecco perché l'assessore comunale allo Sport Omar Greco e il presidente della Consulta sport Roberto Abram hanno immediatamente preso carta e penna e scritto una lettera all'Azienda dei Servizi Sanitari, chiedendo che le tariffe vengano riviste in basso a favore delle società sportive.

«Vogliamo sottolineare la portata davvero onerosa dell'aumento imposto con il nuovo tariffario – spiegano Greco e Abram –. A fronte del precedente importo di 31 euro per una normale visita agonistica, la quota attuale è di 52,15 euro, con un aumento del 70%».

Non è difficile immaginare l'effetto di tale rincaro. «Si può facilmente capire – proseguono – come per molte, se non per tutte le società che si occupano di discipline sportive con praticanti maggiorenni, in particolare negli sport di squadra, i costi notevolmente dilatati di tali visite (peraltro giustamente necessarie per poter svolgere l'attività) non possono che creare ulteriori difficoltà di ordine economico a un settore, quello dello sport dilettantistico in genere, già alle prese con le conseguenze della crisi».

La richiesta inviata all'Azienda Sanitaria è dunque quella di valutare possibili correttivi nell'applicazione delle nuove tariffe a beneficio di tutte le società sportive, «di cui non va dimenticata – concludono Greco e Abram – l'effettiva valenza sociale del loro operato».

Commenti (0)
Comment