Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Giovedì sera al Miela

Attualità
18 marzo 2014

Pedofilia, a teatro per capire

di Rosanna Ferfoglia
Presentata a Trieste "L'urlo segreto del mondo", rappresentazione realizzata dall'Associazione culturale Spaesati.
CONDIVIDI
4645
Le relatrici intervenute alla conferenza stampa di presentazione
Attualità
18 marzo 2014 di Rosanna Ferfoglia

“L'urlo segreto del mondo” è uno spettacolo teatrale ideato e realizzato dall'Associazione culturale  Spaesati, per affrontare con coraggio e realismo il delicato e purtroppo sempre attuale tema della pedofilia.  Andrà in scena giovedì 20 marzo al Teatro Miela, alle ore 20 con ingresso gratuito, ed è destinato a un pubblico adulto.

L'evento è stato presentato oggi nel corso di una conferenza stampa congiunta Comune di Trieste/A.S.S. n° 1 “Triestina”, al Miela, alla quale sono intervenuti l'assessore alle Politiche Sociali Laura Famulari e il Direttore Sanitario dell'A.S.S. n° 1 Triestina Adele Maggiore, la referente tecnica del progetto Daniela Gerin, la regista dello spettacolo Sabrina Morena, la coautrice e attrice Marcela Serli e l'attore Mefenja Tatcheu.

L'iniziativa artistica - è stato spiegato - fa parte delle attività del progetto "Buone pratiche contro la pedofilia" gestito dal Gruppo Interistituzionale contro l'Abuso e il Maltrattamenti ai Minori formato dai Comuni di Trieste, Duino-Aurisina e Muggia, dall’A.S.S. n° 1 Triestina, dall’I.R.C.C.S. Burlo Garofolo, dall’Ufficio Servizio Sociale per i Minorenni di Trieste (Ministero della Giustizia), dall’Ufficio Scolastico Regionale di Trieste e  dal GOAP – Gruppo Operatrici Antiviolenza e Progetti.

Il gruppo ha scelto di far uso della rappresentazione artistica per sensibilizzare e informare la cittadinanza sul tema della pedofilia. Attraverso il racconto di storie vere ambientate nel nostro paese e in altri paesi del mondo, lo spettatore è indotto a guardare oltre l’apparenza dei fatti, a indagare nella profondità dell’animo umano e nella vita e nei luoghi dove si generano spesso vicende terribili e ferite incancellabili sulle bambine e i bambini di oggi e sulle donne e gli uomini di domani. La piéce vuole essere un urlo di denuncia di chi vive nel dramma della violenza e una voce di speranza di chi ne esce.

L'urlo segreto del mondo è l'urlo dei bambini che, se potessero, griderebbero per chiedere aiuto oppure che non gridano più, perché hanno verificato, nella loro vita, che è inutile.
Dovremmo quindi imparare ad ascoltare le vittime della violenza, e condannare qualsiasi forma di violenza. La protezione dei bambini dovrebbe essere interesse di tutti e di tutte le società: l'intento è di far comprendere la necessità di sviluppare un'idea di "genitorialità diffusa", dove tutti sono chiamati a costruire il benessere delle giovani generazioni.

La sensibilizzazione di tutti i cittadini, la formazione degli operatori e l’attribuzione di un profondo e convinto disvalore alla violenza ed in particolare a quella di genere, sono i cardini per un cambiamento culturale e sociale.

Commenti (0)
Comment