Trieste, solidarietà dei cittadini per i bambini chirurgici del Burlo

imagazine_icona

redazione

13 Marzo 2023
Reading Time: 3 minutes

Con il sostegno degli esercenti raccolti 10mila euro da destinare all’accoglienza gratuita delle famiglie dei piccoli pazienti

Condividi

TRIESTE – Si è conclusa la campagna di solidarietà “Offri un Caffè Buonissimo“, l’iniziativa che A.B.C. Associazione per i Bambini Chirurgici del Burlo promuove in collaborazione con Confcommercio Trieste e Fipe Trieste.

Grazie alla grande generosità dei clienti sono stati raccolti, da parte dei 129 esercizi pubblici e commerciali aderenti alla campagna, 10.095 euro: i proventi saranno destinati all’accoglienza delle famiglie che saranno ospitate in una Casa A.B.C. in un anno.

Dall’inizio del percorso di “Offri un caffè buonissimo” (quest’anno alla sua quarta edizione), A.B.C., grazie ai proventi della campagna, ha potuto supportare in termini di accoglienza nelle case e di supporto psicologico oltre 100 famiglie e ha potuto aprire le sue case per oltre 140 soggiorni di altrettanti nuclei famigliari.

Negli ultimi anni, A.B.C. sta registrando una continua crescita delle richieste di sostegno da parte delle famiglie dei bambini chirurgici. Nel 2022 le accoglienze totali sono state 199, più che raddoppiate in soli due anni, e le famiglie accolte (alcune delle quali tornano a Trieste per cure ripetute) sono state 181. Il bisogno crescente è alimentato anche dalla situazione critica che molte famiglie stanno vivendo, ormai da diversi anni, a causa delle delicate contingenze economiche e sociali che si riflettono sulla quotidianità di tutti. Ancora più importante, dunque, è poter contare su iniziative solidali, che creino valore e coinvolgano un’intera comunità verso un obiettivo comune.

Anche quest’anno i volontari di A.B.C. – cuore delle attività dell’Associazione – hanno dato un contributo fondamentale nella realizzazione dell’iniziativa e, con il consueto entusiasmo, hanno raggiunto gli esercenti, raccontato la campagna e accolto le loro istanze e necessità. Fondamentale è stato il consolidato rapporto di collaborazione con Confcommercio Trieste e Fipe Trieste, che hanno mobilitato i propri aderenti in questa straordinaria iniziativa di solidarietà. Al fianco dell’iniziativa e fin dalla prima edizione, anche la collaborazione di Associazione Caffè Trieste e Solidarietà Trieste.

«Nel ringraziare i cittadini, gli esercenti e i partner che hanno reso possibile dare continuità a “Offri un caffè buonissimo” – commenta Giusy Battain, direttrice di A.B.C. – l’Associazione accoglie con grande piacere l’importante esito della campagna e la grande generosità che lo ha reso possibile. Fondamentale è anche la conferma del fatto che A.B.C. sia entrata nel cuore di tutta la comunità: la grande partecipazione testimonia che la cittadinanza si identifica nella mission di ABC e nella sua volontà di stare al fianco dei bambini che vengono accolti all’interno di un reparto d’eccellenza, la Chirurgia, di uno dei principali punti di riferimento nazionali per le cure pediatriche come il Burlo Garofolo».

«L’iniziativa benefica portata avanti dall’associazione A.B.C. – spiega Riccardo Riccardi, vicepresidente e assessore alla Salute della Regione Friuli Venezia Giulia – ha la grande valenza di aiutare e supportare le famiglie che stanno attraversando un delicato momento di fragilità e difficoltà, peraltro in un periodo storico segnato da grandi mutamenti sociali e da difficoltà economiche causate dal generalizzato aumento del costo della vita».

«Anche in questa circostanza – rileva Antonio Paoletti, presidente di Confcommercio Trieste – le imprese del terziario abbiano saputo rispondere con grande generosità e partecipazione a una proposta di solidarietà, ribadendo il loro capillare legame con il territorio e la loro disponibilità ad un impegno diretto per contribuire a una causa di grande rilevanza. L’adesione a “Offri un caffè buonissimo” rientra peraltro in quel contesto di attenzione per il sociale che l’associazione di categoria concretizza nell’arco dell’anno, attraverso l’organizzazione e la promozione di diverse iniziative, al fine di sostenere quanti operano per arginare fragilità e disagio, contribuendo in tal modo a rafforzare la coesione sociale nel nostro territorio».

«Sapere di poter alleviare in qualche modo le difficoltà di una famiglia che ha un bambino ricoverato, scalda un pochino il cuore ‒ sottolinea la presidente di Fipe Trieste Federica Suban ‒, e sono orgogliosa di vedere come ogni anno i colleghi che gestiscono bar, ristoranti, gelaterie aderiscano con slancio a questa iniziativa».

 

Visited 6 times, 1 visit(s) today
Condividi