Terapia con gli animali, nuovo progetto in Friuli

Reading Time: 2 minutes

La Fondazione Gruppo Pittini coprirà interamente i costi dell’iniziativa pilota attivato nell’ambito dei Disturbi del comportamento alimentare e nelle Pediatrie ospedaliere

Condividi
#IPAWYOU, progetto pet therapy

(ph. Regione FVG)

UDINE – Presentato all’ospedale Santa Maria della Misericordia a Udine, di #IPAWYOU, progetto di terapia con gli animali – Pet Therapy – che l’Azienda sanitaria universitaria Friuli centrale è pronta a introdurre nei propri servizi con il contributo della Fondazione Gruppo Pittini.

#IPAWYOU nasce come iniziativa “pilota” e i costi per il suo svolgimento saranno interamente coperti dalla Fondazione Gruppo Pittini. Nello specifico, il progetto sarà attivato inizialmente nell’ambito dei Disturbi del comportamento alimentare nelle sedi di Palmanova e Udine e dei ricoveri delle Pediatrie ospedaliere a Udine, Latisana, San Daniele del Friuli e Tolmezzo oltre al Centro diurno adolescenti Color@do di via del Pozzo a Udine.

Il progetto metterà in campo le sinergie già instaurate tra Pediatrie e Centri diurni degli specifici territori, al fine di creare un “modus operandi” sperimentato da diffondere successivamente negli altri Distretti.

I progetti “pilota” svilupperanno la presa in carico nei casi dei disturbi del comportamento alimentare, transizione all’età adulta, disturbi emozionali, della coordinazione motoria e ricoveri nelle Pediatrie ospedaliere.

“In una prima fase – ha messo in evidenza l’assessore regionale alla Salute, Politiche sociali e Disabilità, Riccardo Riccardi – saranno coinvolti circa 100 utenti nei primi 12 mesi”.

Verrà costituito un gruppo di lavoro che vede la collaborazione tra operatori della Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza (Npia) e i conduttori dell’animale (in questo caso si tratta di cani) oltre a incontri conoscitivi tra i genitori dei minori coinvolti nel progetto e la coppia animale/conduttore.

Prevista, inoltre, una valutazione sugli effetti prodotti dalla terapia attraverso la somministrazione di questionari a inizio e fine trattamento, la compilazione di un diario del percorso e le prove per misurare i risultati raggiunti.

Come è emerso in conferenza stampa, la terapia con gli animali produce diversi benefici: tra bambino e cane si sono osservati effetti calmanti con un abbassamento degli stati ansiosi con conseguente sviluppo di una comunicazione non verbale emotiva e di comportamenti positivi e di autostima.

Alla conferenza sono intervenuti anche il direttore generale di Asufc, Denis Caporale, con il direttore sanitario, David Turello, e la vicepresidente della Fondazione Simona Ferri Pittini.

Condividi