Salute mentale e benessere sociale, mostra transfrontaliera a Gorizia

imagazine_icona

redazione

13 Marzo 2023
Reading Time: 4 minutes

L’esposizione, a ingresso libero, è l’ultimo capitolo del progetto curato dall’Associazione Culturale udinese Etrarte sul tema della marginalità

Condividi

GORIZIA – Si apre venerdì 17 marzo al confine tra Nova Gorica e Gorizia il capitolo conclusivo della quarta edizione di Co.So! Artisti per il sociale, progetto artistico a cura di Elena Tammaro e Rachele D’Osualdo dell’Associazione culturale udinese ETRARTE volto a sensibilizzare le comunità della regione e dell’area transfrontaliera rispetto ai temi della salute mentale, dell’inclusività e del benessere sociale.

La mostra finale, che inaugurerà venerdì alle ore 18 nello spazio di Carinarnica (Erjavčeva 53, Nova Gorica / Valico di San Gabriele) presenterà le co-creazioni esito dei laboratori realizzati da tre artisti durante le residenze nelle comunità ospitanti di questa edizione. Il tema indagato quest’anno è stato quello della “marginalità”.

L’inaugurazione sarà preceduta da un incontro di divulgazione e scambio di buone pratiche, sempre ad ingresso libero, che si terrà dalle 14.30 alle 16.30 all’Xcenter di Nova Gorica (Delpinova ulica 20, 5000 Nova Gorica), centro sperimentale che promuove l’incontro tra creatività, innovazione, imprenditorialità, arte e formazione.

“Come ETRARTE – commenta la presidente Rachele D’Osualdo – siamo felici di aver costruito una rete che affonda solide basi in Regione ma non esita ad aprirsi ad artisti e professionisti provenienti da altri luoghi d’Italia e dall’estero, perché è attraverso il confronto che si cresce. In Fvg, organizzazioni del mondo dell’assistenza sociosanitaria e diverse scuole hanno accolto con entusiasmo le nostre proposte, gli stessi artisti si sono messi davvero alla prova in contesti insoliti e sfidanti.  Siamo convinte che la contaminazione tra diversi ambiti sia la chiave per il successo non solo di questo tipo di progetto, ma dell’intera società. Un desiderio? Che questi interventi possano avere un sostegno sempre più strutturale”.

Il doppio appuntamento a Gorizia, parte di una progettualità pluriennale coerente con le politiche del territorio, converge verso gli obiettivi di GO! 2025, coinvolgendo strutture e operatori culturali e sociali italiani e sloveni con attività artistiche che generano ricadute in termini di inclusione e coesione.

Gli artisti e le residenze

Francesco Zanatta ha vissuto e lavorato per una settimana con gli operatori e gli abitanti di Villetta 2.0 a Gorizia. Nel suo workshop La mano che sa vedere Zanatta ha condotto il gruppo a sviluppare, attraverso la pratica pittorica, una nuova prospettiva sulla realtà che ci circonda. Il coinvolgimento degli studenti della classe II A, Installatore di impianti elettrici, civili e industriali dell’ENFAP di Gorizia ha ampliato i destinatari dell’attività ed ha permesso il confronto tra persone afferenti contesti diversi, ma coesistenti nello stesso territorio, aprendo le porte di Villetta 2.0 a cittadini esterni.

La residenza d’artista di Carolina Pozzi si è volta presso la Casa Teresa ad Aiello del Friuli. Home is where love is ha spronato utenti e operatori del centro a identificare e ritrarre “oggetti d’affezione”, pupazzi d’infanzia, oggetti del quotidiano, piccole cose inanimate a cui l’attribuzione di un legame affettivo conferisce una speciale vitalità. Gli oggetti sono stati ritratti individualmente, scomposti in forme elementari, e riassemblati in un grande collage dinamico e astratto.

L’artista Michele Tajariol è stato impegnato in una doppia attività laboratoriale: In mille pezzi è il titolo del workshop che ha coinvolto due classi dell’ISIS Pertini di Monfalcone e Cantiere dei Desideri, associazione teatrale di Fiumicello Villa Vicentina, che vede la presenza di persone portatrici di disabilità. Il percorso si è sviluppato nella scrittura collettiva di una narrazione, nella definizione di un personaggio composto da molteplici frammenti, riassemblati in una o più forme possibili. Un richiamo alla necessità di “rimettere assieme i cocci”, quando entriamo in crisi e sembriamo andare “in mille pezzi”.

L’allestimento della mostra, a cura di Altreforme di Udine, include i video realizzati da Claudio Cescutti, che ha raccolto immagini, gesti e parole degli artisti e dei partecipanti al workshop.

L’incontro divulgativo

All’incontro divulgativo e di scambio di buone pratiche presso l’Xcenter, porteranno le loro esperienze: Tea Taramino, dell’Associazione Forme in Bilico di Torino, che realizza attività all’intersezione tra i mondi dell’educazione, dell’arte, della scuola e della terapia; BridA/Tom Kerševan, Sendi Mango e Jurij Pavlica, gruppo artistico sloveno attivo a livello internazionale che realizza opere, esperienze e laboratori partecipativi che nascono dall’incontro tra arte, scienza e nuove tecnologie; Erica Costantini dell’Associazione CLIC Trieste – Psicologia e Psicomotricità, che moderando l’incontro evidenzierà i meccanismi psicologici e le dinamiche relazionali che si attivano in questi interventi artistici all’interno di contesti di fragilità sociale; Elena Tammaro e Rachele D’Osualdo di ETRARTE, che presenteranno alcune tra le 12 esperienze artistiche laboratoriali del progetto Co.So! Artisti per il sociale. L’incontro si terrà in lingua inglese.

I partner

Il progetto, ideato da Elena Tammaro e curato con Rachele D’Osualdo, è finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia e realizzato in collaborazione con partner operativi: Creaa Snc, Associazione Fondazione Malutta, Altreforme società cooperativa, consorzio di cooperative sociali Il Mosaico, Cantiere dei Desideri, Associazione CLIC Trieste – Psicologia e Psicomotricità, Društvo humanistov Goriške Slovenia, Associazione Forme in Bilico, ISIS Sandro Pertini di Monfalcone, GO! 2025 Evropska prestolnica kulture, Nova Gorica.

 

Visited 5 times, 1 visit(s) today
Condividi