Ruda, l’AFDS rilancia le attività

imagazine livio nonis

Livio Nonis

27 Giugno 2022
Reading Time: 2 minutes

In vista dei 50 anni di fondazione

Condividi

Si è tenuta presso l’oratorio “don Valeriano Lepre” di Ruda l’annuale assemblea dell’A.F.D.S. (Associazione Friulana Donatori di Sangue) di Ruda, presenti il sindaco Franco Lenarduzzi e il delegato di zona Luca Mocchiut.

Il neo presidente Massimo Tiziani ha ringraziato Giancarlo Politti per il grande lavoro fatto, come presidente dell’associazione dal 1997 fino all’anno scorso, e anche prima visto che è tra i fondatori dell’AFDS Ruda. Poi ha ripercorso l’andamento nel 2021, anno nel quale sono state effettuate 176 donazioni (117 sangue, 56 plasma e 3 piastrinoaferesi), maggiormente concentrate nella seconda parte dell’anno, a causa del protrarsi dell’emergenza COVID-19.

A Ruda nel biennio 2020/21 ci son stati 123 donatori attivi. Nel corso degli ultimi anni, a causa della pandemia, è cambiato un po' il modo di approcciarsi alla donazione: ora si può andare a donare solo tramite prenotazione e probabilmente questa sarà la strada per il futuro.

“Purtroppo in questi due ultimi anni non è stato possibile fare il lavoro di propaganda nelle scuole e organizzare le serate sanitarie – ha affermato Massimo Tiziani –; abbiamo cercato di essere presenti il più possibile sui social o nelle iniziative all’interno della nostra comunità: appena la situazione lo permetterà ritorneremo alla consueta attività di propaganda. Anche se, come l’esperienza insegna, il “passa parola” resta ancora il metodo più efficace per far capire soprattutto ai giovani l’importanza del dono del sangue”.

Ecco le varie iniziative svolte nel corso del 2021 con le quattro donazioni collettive: il 15 aprile con autoemoteca assieme a Villa Vicentina (9 donazioni); il 30 maggio a Palmanova assieme a Bagnaria e Villa (9 donazioni); il 18 settembre a Palmanova con Villa (6 donazioni); il 7 novembre a Palmanova con Bagnaria e Villa (13 donazioni).

Nel proseguo dell’assemblea sono stati presentati i nove nuovi donatori: Denni Deak, David Defend, Fabio Mian, Carolina Pacherini, Alessandro Plett, Davide Visintin, Chiara Zanella, Chiara Angeli, Marco Visintin.

Quindi il solenne saluto per i donatori che nel 2021 hanno raggiunto l’età pensionabile, dove è stato auspicato che non abbandonino l’associazione ma rimangano attivi facendo propaganda al dono: Alba Basso, Rosanna Cantarutti, Bruno Di Bernardo, Daniela Facchin, Bruno Francescon, Lucio Fuart, Luigi Masiero, Carla Masin, Livio Nonis, Maurizio Travaglia, Luciano Ulian, Danilo Ulian, Luigi Valentinuzzi.

Infine sono stati menzionati i donatori che nel prossimo mese di settembre saranno premiati nell’assemblea generale a Gemona: Simone Ulian e Daniele Pozzar – distintivo d’oro per le 50 donazioni; Simone Rizzolo e Elena Comuzzo – distintivo d’argento per le 35 donazioni; Sandro Zamaro, Manuel Vrech e Mattia Tiberio – diploma di benemerenza per le 10 donazioni.

All’inizio dell’assemblea sono stati ricordati, con un minuto di raccoglimento, i donatori che non ci sono più: Lucio Brusin, Rina Cocetta, Luigi Rigonat, Lorenzo Lepre, Amalia Nicola e Giovanni Sgubin.

Come ultimo messaggio il presidente ha ricordato che il 2023 è l’anno del 50o, preannunciando un intenso lavoro di preparativi per i festeggiamenti.

 

Visited 17 times, 1 visit(s) today
Condividi