Riapre la ferrata di Forni di Sopra

imagazine_icona

redazione

28 Maggio 2021
Reading Time: 2 minutes

Per raggiungere il Clap Varmost

Condividi

A Forni di Sopra, alle spalle del paese, sulla vetta panoramica del Clap Varmost, è possibile nuovamente affrontare la ferrata sportiva che si dilunga sullo spigolo est-ovest della montagna e dalla cima si può godere di una vista panoramica incantevole. 

Dalla cima del Clap Varmost (M. 1780) è possibile ammirare tutta la Catena Fornese delle Dolomiti Friulane, oltre a vari gioielli come Pelmo, Civetta, Tre cime di Lavaredo, Antelao, Croda dei Toni e altre cime importanti. Verso Nord si ammirano i pascoli di Varmost, sovrastati dai monti Simon e Piova. A est è inconfondibile la forma colossale dei monti Clap Savon e Bivera. Volgendo lo sguardo alla valle si tiene d'occhio l'intero paese con le sue tre frazioni e i borghi circostanti.

La ferrata si sviluppa su roccia calcarea molto sana, con passaggio iniziale in canyon, ponte tibetano sospeso, salite strapiombanti facilitate con maniglie e pediglie, dedicato a chi non soffre di vertigini. Il tracciato si divide in un percorso corto facilitato per i più piccoli, e uno più lungo per adulti con numerosi punti panoramici.

Raggiungere il Clap Varmost è semplice: dalla località Chianeit si trova una bacheca illustrativa con i sentieri che portano fino in cima oppure si può salire con la seggiovia (che apre il 4 giugno).

Dal rifugio Som Picol le alternative per raggiungere la cima del Clap Varmost sono due: salire lungo il sentiero, per chi cerca un’esperienza più tranquilla, oppure attraverso la ferrata sportiva, per un’esperienza più adrenalinica.

Si raccomanda prudenza, meglio affrontare la ferrata con guida alpina, e in ogni caso è necessaria l’attrezzatura adatta. Per ogni informazione e per la prenotazione della guida rivolgersi all’ufficio locale di Promoturismo 0433 886767.

La riapertura invece della seggiovia del Varmost, fruibile nel primo tratto che serve l'area di Som Picol, permetterà di partecipare agli eventi previsti nei weekend e di accedere al rifugio La Suita.

L'ingegnere Francesco Pacilè, direttore del servizio di gestione del polo di Forni di Sopra, ha fatto a sapere che, a causa delle condizioni meteo in quota ancora invernali e caratterizzate da continue precipitazioni, i lavori di manutenzione straordinaria che interessano il tratto più alto del Varmost non possono procedere come previsto. 

“Sebbene si tratti di una riapertura parziale, è un chiaro segno di ripartenza e un auspicio di ripresa”, ha commentato il sindaco di Forni di Sopra, Marco Lenna. “Vogliamo dare in questo modo inizio alla nuova stagione, ringraziando la rete di imprese Forni di Sopra Dolomiti in tutti i sensi e gli altri soggetti del territorio, che hanno studiato questa ripartenza con grande entusiasmo”. 

Visited 15 times, 1 visit(s) today
Condividi