Musica, arte e attualità si incrociano a Gradisca

imagazine_icona

redazione

13 Giugno 2023
Reading Time: 3 minutes

Non solo grandi concerti: dal Premio Nobel Filippo Giorgi al ricordo di Giulio Regeni, ecco il programma tra spettacoli e impegno sociale

Condividi

GRADISCA D’ISONZO – È stata presentata stamane, nella sala consiliare di palazzo Torriani di Gradisca d’Isonzo, la 27ª edizione di Onde Mediterranee, quest’anno di scena dal 10 al 30 luglio.

Alla conferenza stampa sono intervenuti il sindaco, Linda Tomasinsig, l’assessore comunale alla Cultura, Marco Zanolla, il presidente della Fondazione Carigo, Alberto Bergamin, Paola Deffendi Regeni, Beppe Giulietti di Articolo 21 e FNSI. Presenti, al tavolo dei relatori, anche i rappresentanti di AESON Arti della Natura, Devid Strussiat, e di Culturaglobale, Renzo Furlano, che hanno dato il loro contributo nella realizzazione del programma.

La sezione musicale di Onde Mediterranee si aprirà con una data straordinaria in Piazza Grande a Palmanova (20 luglio) che vedrà protagonista Nick Mason, batterista e fondatore dei Pink Floyd, in un affascinante viaggio alle radici della mitica band.

Si proseguirà a Gradisca d’Isonzo, nell’Arena del Castello, con Carmen Consoli (27 luglio), che per l’occasione si esibirà in duo insieme a Marina Rei alla batteria per un concerto esplosivo; Daniele Silvestri (28 luglio) con il tour “Estate X”, in cui riabbraccia le sue amate chitarre elettriche, coinvolgendo il pubblico con la sua vena più rock; Niccolò Fabi (29 luglio) che porterà in scena “SoloTour Estate 2023”, mettendo al centro dell’attenzione il suono acustico e delicato della voce, accompagnata da chitarra e pianoforte.

La sezione di Lettere Mediterranee è stata potenziata quest’anno grazie alla collaborazione con l’associazione Culturaglobale che organizza il Festival itinerante della Conoscenza “dialoghi”; da qui sono nati 5 incontri letterari: con Ezio Mauro (10 luglio al Nuovo Teatro Comunale), Marco Pacini (11 luglio in Corte Marco d’Aviano), Walter Skerk, Arduino Paniccia e Giuseppe Razza, (21 luglio in Corte Marco d’Aviano), Leonardo Becchetti (22 luglio in Corte Marco d’Aviano), “Saggi Scelti sulla Storia, sulla Lingua e sulla Società Slovena al Confine italo-sloveno” (26 luglio in Biblioteca Slovena “Damir Feigel” di Gorizia), Angelo Floramo (27 luglio in Corte Marco d’Aviano).

Un appuntamento speciale sarà quello con Onde climatiche sul Mediterraneo (26 luglio al Nuovo Teatro Comunale) che nasce dalla collaborazione con AESON Arti della Natura (associazione EcoPark) e Hangar Teatri di Trieste – nel contesto di “No Time To Waste” progetto di GO!2025. Per l’occasione, lo scienziato Filippo Giorgi, premio Nobel per la Pace 2007, terrà una conferenza sui cambiamenti climatici e le loro conseguenze nei paesi del Mediterraneo.

Spazio anche alla danza e al teatro, con lo spettacolo La bellezza della diversità. Sympósion(22 luglio in Corte Marco d’Aviano) della Compagnia Bellanda, che sarà preceduto da un workshop di danza per ragazze/i dai 15 anni, e “L’uomo che piantava gli alberi” (29 luglio ai Giardini dell’Arena Castello), del Teatro Molino Rosenkranz.

Dal 2016 il Festival Onde Mediterranee è dedicato a Giulio Regeni e quest’anno, grazie ai volontari dell’Auser Territoriale Goriziano, la Biblioteca comunale di Gradisca d’Isonzo si trasformerà in “punto giallo” per tutta la durata del festival. Domenica 30 luglio, inoltre, la città si vestirà di giallo e ricorderà con vari appuntamenti la battaglia per la giustizia della famiglia Regeni.

Le attività prenderanno il via al mattino con “Sassolini di Verità”, un laboratorio gratuito e dedicato ai più piccoli a cura dell’Assessorato all’Educazione e Istruzione del Comune (ore 10.30-Polo culturale di Casa Maccari).

Dalle 18 in poi, nei Giardini Arena del Castello verranno presentati i libri: “La vita ti sia lieve” di Alessandra Ballerini; “Giulio Fa Cose”, di Paola Deffendi e Claudio Regeni e la collaborazione di Alessandra Ballerini; “Fifa Nera. Fifa Blu”, di Alessandra Ballerini e illustrazioni di Lorenzo Terranera. A seguire, Camminata per la Giustizia e dalle 20.00 l’incontro “Facciamo Cose per Giulio”, assieme a Paola Deffendi e Claudio Regeni, con numerosi personaggi della vita culturale e artistica italiana. A chiudere la giornata e il Festival, il concerto dei Vallanzaska.

Nel corso del Festival, nell’area concerti dell’Arena del Castello, sarà aperto lo stand con specialità enogastronomiche curato dall’associazione culturale Arci Skianto.

 

Condividi