Monfalcone, via libera al nuovo centro wellness

imagazine_icona

redazione

4 Novembre 2022
Reading Time: 2 minutes
Condividi

Inizio lavori a settembre 2023

Condividi

Via libera al nuovo centro wellness di Monfalcone. È quanto emerso della conferenza stampa tenuta nella struttura termale cittadina alla presenza dell’assessore regionale alle Attività produttive e Turismo, Sergio Emidio Bini, del sindaco Anna Maria Cisint e di Salvatore Guarnieri, amministratore delegato della società Terme Fvg.

La realizzazione della nuova struttura – come spiegato dal sindaco – rientra nel progetto integrato di sviluppo per il quale la Regione ha concesso al Comune 9 milioni di euro (da destinare alla riqualificazione di Marina Julia, del Carso e delle terme) e prevede un investimento dedicato di circa 6 milioni di euro.

Il progetto definitivo ed esecutivo si prevede approvato a marzo del prossimo anno mentre l'inizio dei lavori entro settembre.

“A settembre – ha spiegato il sindaco – potremo partire con i lavori per la realizzazione di una piscina interna e una esterna che utilizzeranno il pozzo di acqua termale, sauna, bagno turco, percorso kneipp e area ristoro, che daranno a questo sito una connotazione più ampia, in grado di convogliare il turismo sanitario e del benessere, che attualmente ci viene fortemente richiesto anche dai fruitori dei Marina”.

“Una riqualificazione del complesso – ha sottolineato Cisint – in funzione del termalismo e del wellness che rappresenta un salto di qualità decisivo per valorizzare pienamente le potenzialità e i benefici dell'acqua che sgorga a 38°C, unica acqua termale in regione, le cui proprietà curative sono state ampiamente certificate”.

“Grazie alla collaborazione virtuosa tra Regione e Comune di Monfalcone e alle importanti risorse regionali messe a disposizione che hanno permesso di cambiare l'immagine della città, non più solo navale ma città turistica a vocazione marittima, stiamo registrando una crescita a doppia cifra delle presenze turistiche che quest'anno toccheranno quota 220 mila. I numeri mostrano la validità dei percorsi progettuali intrapresi, non ultimo il nuovo centro wellness dell'impianto termale”, ha dichiarato Bini.

Durante la conferenza stampa, Bini ha anche annunciato l'erogazione, entro fine anno, di 150 mila euro a ciascuna delle strutture termali del Friuli Venezia Giulia come ristoro per abbattere l'aumento dei costi energetici: “Un contributo per sostenere un comparto che ha risentito del caro energia”.

Le Terme Romane di Monfalcone – ha reso noto Guarnieri –, da marzo a ottobre 2022, hanno erogato 13.106 prestazioni collegate alle cure termali, 3.675 prestazioni sanitarie (fisioterapia e visite specialistiche) e 2.492 servizi wellness. In questi giorni, nell’ambito del proprio piano di interventi manutentivi volti al continuo miglioramento della qualità nell’erogazione delle prestazioni, stanno eseguendo ulteriori lavori programmati agli impianti di acqua termale. Per i prossimi dieci giorni non verranno erogate le prestazioni di cure termali, riabilitative e wellness che utilizzano le vasche della struttura.

Saranno invece attivi i servizi di fisioterapia a secco o con elettromedicali, le visite specialistiche, i trattamenti estetici e i trattamenti wellness/massaggi a secco.

 

Visited 25 times, 1 visit(s) today