Monfalcone, “Quota 85” (quasi) completata

imagazine_icona

redazione

24 Febbraio 2014
Reading Time: 2 minutes
Condividi

Nell’ambito del progetto Pot Miru

Condividi

È in via di conclusione la sistemazione di Quota 85, dedicata all’eroe della Prima Guerra Mondiale Enrico Toti, zona monumentale connessa al percorso dei siti della Grande Guerra sul Carso monfalconese. L'intervento, portato avanti grazie ai fondi del progetto Pot Miru ( un milione di euro, di cui 70mila destinati a Monfalcone) prevede il recupero forestale e la valorizzazione strutturale del Parco tematico aperto nel 2005 grazie ai fondi comunitari allora attinti dal progetto Docup Obiettivo 2.

Ora, grazie a Pot Miru – Via di Pace, progetto inserito nel programma transfrontaliero Italia- Slovenia 2007-2013, è stato aggiunto un nuovo e importante capitolo al processo di valorizzazione della zona, con l'inserimento di Monfalcone negli itinerari transfrontalieri e del circuito promozionale storico-culturale tra Italia e Slovenia, nell’ottica di ricostruire il percorso dei siti di guerra in un collegamento funzionale dalla Slovenia al mare.

Il progetto comprende assieme al Comune di Monfalcone altri 13 enti partner di progetto italiani e sloveni, con la Provincia di Gorizia nel ruolo di ente coordinatore. L’intervento di recupero di Quota 85, affidato alla ditta Agraria Isontina di Gorizia su progetto dell’architetto Silvo Stok di Trieste, è già realizzato all’85%, e sarà completato entro la fine dell’anno. Come per gli altri interventi, ha ottenuto tutte le autorizzazioni necessarie da parte della Soprintendenza e dell’Ispettorato regionale delle Foreste.

Il Parco tematico della Grande Guerra si sviluppa su un’area di 2.786 chilometri quadrati con 4,5 chilometri di sentieri, ed è accessibile da via Romana. Dal 2005, senza i lavori del Pot Miru, sono stati recuperati circa 2.400 metri lineari di trincee e postazioni e si è intervenuti su circa 3,5 km di sentieristica.

 

Visited 23 times, 1 visit(s) today