Monfalcone patria dell’Opera

imagazine_icona

redazione

23 Settembre 2015
Reading Time: 5 minutes

Presentata la nuova stagione proposta da Kinemax

Condividi

Nella sede di Monfalcone lo staff di Kinemax ha presentato la nuova stagione 2015-16 di “Opera al cinema”.  L’unica in regione – e non soltanto – a vantare la struttura di una vera e propria stagione coerente e programmata, con la possibilità di due formule di abbonamento e di riduzioni sui singoli biglietti.

“Opera al cinema, Stagione 2015-16″ propone dieci titoli tra opere e balletti proiettati in diretta da uno dei templi europei della musica: la Royal Opera House di Londra. Dal 5 ottobre 2015 al 27 giugno 2016, nel multisala di Monfalcone (alcuni dei titoli sono in calendario anche a Gorizia) sarà possibile ammirare alcuni delle migliori interpretazioni mondiali di imprescindibili titoli del melodramma e della danza.

La stagione inizierà con il celeberrimo titolo mozartiano de Le nozze di Figaro, sugli schermi lunedì 5 ottobre alle 19.45. Dramma giocoso della immortale trilogia italiana, su libretto di Lorenzo Da Ponte, Nozze racconta della “folle giornata” già narrata da Beaumarchais. Gli intrighi di corte sono sviscerati con modernità straordinaria da musica e libretto e il popolare allestimento è quello di McVicar che torna nelle mani di Ivor Bolton, eccellenza tra i direttori inglesi. Di grande livello il cast, noto ai palcoscenici di tutto il mondo: Figaro è Erwin Schrott, Susanna è Anita Hartig e Cherubino la già ammirata Kate Lindsey.

La rassegna proseguirà giovedì 12 novembre, alle 20.15, con un balletto che non può che incuriosire esperti e neofiti della danza: ben quattro i balletti concepiti per una stessa serata e restituiti dalla potenza interpretativa del Royal Ballet: Carmen di Carlos Acosta (coreografo e protagonista) si concentra sul dramma d’amore, gelosia e vendetta traendo linfa dalla famosa opera di Bizet; Liam Scarlett propone in Viscera un’audace coreografia ispirata al Concerto per Piano n.1 del contemporaneo Lowell Liebermann. Molto sensuale è la gestualità ispirata dalla musica di Debussy in Pomeriggio di un Fauno coreografata da Jerome Robbins e il Passo a due di Čajkovskij di George Balanchine (un estratto dal Lago dei cigni) è sintesi di tecnica e bravura.
Giovedì 10 dicembre (sempre alle 20.15) sarà la volta di due atti unici tra i più famosi ed eseguiti del verismo italiano: Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni e Pagliacci di Ruggero Leoncavallo. Due capolavori del verismo italiano che si accompagnano in un nuovo allestimento del pluripremiato regista Damiano Michieletto, che li ambienta nel Sud Italia degli anni Ottanta del Novecento, attanagliato dall’ingerenza della mafia. Antonio Pappano, il Direttore Musicale della Royal Opera House, dirige un cast davvero stellare in entrambi i titoli: da Eva Maria Westbroek a Aleksander Antonenko fino a Lucia Elena Zilio e Carmen Giannattasio.
Martedì 15 dicembre, alle 20.15 il puntuale dono natalizio arriva con Lo schiaccianoci, produzione del Royal Ballet che restituisce la magia della novella di Hoffmann con un linguaggio incantato e sublime. Il balletto è un alternarsi di sogni, incantesimi, guerre fatate guidati dalla musica trascinante di Čajkovskij (squisiti anche i frammenti della coreografia originale di Lev Ivanov da un canovaccio originale di Petipa).

Giovedì 4 febbraio 2016, alle 19.45, l’attesissima pagina verdiana de La Traviata arriva sugli schermi: uno dei più noti e celebrati capolavori di Verdi, la cui commovente storia continua a riempire i teatri del mondo. L’allestimento tradizionale di Richard Eyre è una delle produzioni più popolari della Royal Opera House. Qui Violetta ha la voce della soprano russa Venera Grimadieva, che debutta alla Royal dopo la fortunata apparizione, sempre nei panni di Violetta, al Glyndebourne Festival.
Lunedì 21 marzo, alle 20.15 i fari saranno puntati sul capolavoro russo in tre atti di Modest Musorgskij
– su libretto dell’autore, dal romanzo omonimo di Puškin: il Boris Godunov. Richard Jones (regia) e Antonio Pappano (direttore) propongono l’opera nella sua prima versione (1869) in sette scene. L’originale della pagina sullo zar russo è meno nota e – secondo la critica – meno convenzionale di quella più diffusa, che debuttò nel 1874. Attesissima l’interpretazione del celeberrimo baritono Bryn Terfel nel ruolo del titolo.

Ancora uno dei più famosi balletti della storia della musica seguirà sugli schermi il 6 aprile alle 20.15: Giselle  balletto romantico per eccellenza (dalla coreografia di Marius Petipa), è una delle più grandi sfide per le danzatrici. 
Il ruolo della protagonista, ricco di sfaccettature emotive tra innocenza, inganno, misericordia, richiede grande sensibilità per fare proprio lo stile ingenuo del primo atto e quello etereo del secondo. Nella bellissima produzione di Peter Wright, la duplice natura emerge dai ricchi dettagli naturalistici del primo atto e dalla spettrale bellezza del secondo.

Lunedì 25 aprile, alle 20.15 andrà in scena Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti: una storia passionale, che nella Scozia del Seicento narra della lotta tra famiglie possidenti e delle sventure di due amanti. Capolavoro assoluto, reso celebre in particolare dall’Aria della pazzia, Lucia torna alla Royal Opera House dopo oltre 10 anni, per l’appassionata direzione di Daniel Oren. A Diana Damrau e Charles Castronovo – punte di diamante tra i cantanti europei – sono affidati i ruoli principali.

Al titolo di Frankenstein risponde il balletto in diretta mercoledì 18 maggio, alle 20.15: Liam Scarlett propone uno dei classici del romanzo gotico per il suo primo balletto di lunga narrazione per il Covent Garden. Una storia di tradimento, curiosità, vita, morte e soprattutto amore che esplora  gli abissi della natura umana. Per l’appassionante balletto Scarlett ha commissionato la parte musicale al compositore (americano, classe 1961) Lowell Liebermann.
La chiusura della stagione sarà affidata, lunedì 27 giugno alle 20, a uno dei capolavori del romanticismo: il Werther  di Jules Massenet. Ispirata all’immortale novella di Goethe, l’opera racconta la storia dell’amore senza speranza del poeta Werther per Charlotte, promessa a un altro uomo.  La musica è di fine bellezza lirica e trasmette fervore ed afflati di passione tanto intensi da restituire appieno l’atmosfera romantica del racconto. Pappano si affianca questa volta a Benoit Jacquot, regista di film, teatro e opera e, nel cast, a Vittorio Grigolo nel ruolo del titolo e a Joyce DiDonato in Charlotte.

 

Gli abbonamenti e i biglietti alla nuova stagione operistica 2015-16 si possono sottoscrivere alle casse del Kinemax di Monfalcone (via Grado 54, tel. 0481 712020, www.kinemax.it) a partire da giovedì 24 settembre. Possibili le prenotazioni (anche on line) dei posti per i singoli spettacoli.
BIGLIETTI E ABBONAMENTI:  biglietto singolo intero: 12 euro; biglietto singolo ridotto: 10 euro; abbonamento a 6 opere: 54 euro; abbonamento a tutti gli spettacoli: 90 euro.

Visited 5 times, 1 visit(s) today
Condividi