“Il racconto perfetto” da Netflix a Pordenone

imagazine_icona

redazione

3 Agosto 2023
Reading Time: 6 minutes
Condividi

Il romanzo di Elísabet Benavent da cui è tratta la serie tv del momento sarà tra i protagonisti della nuova edizione della festa del libro con gli autori

Condividi

PORDENONE – Torna pordenonelegge, dal 13 al 17 settembre con 334 incontri in cartellone e 570 protagonisti italiani e stranieri: il programma della 24^ edizione sarà consultabile online dal 4 agosto, giorno per giorno, nella homepage del sito pordenonelegge.it.

Pordenonelegge, promosso da Fondazione Pordenonelegge.it e realizzato a cura di Gian Mario Villalta (direttore artistico), Alberto Garlini e Valentina Gasparet si caratterizza per le sue anteprime e novità: sono 62, quest’anno. Firmate da autrici e autori internazionali che hanno scelto quest’anno il festival per presentare il loro nuovo libro.

A cominciare da “Api grigie”, il nuovo romanzo di Andrei Kurkov, la voce letteraria più nota dell’Ucraina del nostro tempo: sarà lui a inaugurare il festival, mercoledì 13 settembre, al Teatro Verdi alle 18.

In anteprima assoluta lo scrittore Éric-Emmanuel Schmitt raccontaLa sfida di Gerusalemme. Un viaggio in Terra Santa (e/o con Libreria Editrice Vaticana), diario di un mese fra Betlemme, Nazareth, la Galilea, Gerusalemme, un vero e proprio itinerario tra i dubbi della ragione e le aperture della fede integrato da una lettera inedita di Papa Francesco all’autore.

Al festival in anteprima i nuovi romanzi di due autrici best seller, Viola Ardone che presentaGrande meraviglia” (Einaudi), la storia emozionante della giovane Elba e del dottor Meraviglia che la riporterà alla vita fuori dal manicomio; e la spagnola Elísabet Benavent che in anteprima a pordenonelegge presentaIl racconto perfetto” (Salani), il romanzo dal quale è tratta la serie Netflix uscita in questi giorni.

Al festival, ancora, le anteprime di autori come Paolo Di Paolo che presentaRomanzo senza umani” (Feltrinelli), di Michela Marzano che firmaSto ancora aspettando che qualcuno mi chieda scusa” (Rizzoli), di Gianni Biondillo, con “Quello che noi non siamo” (Guanda), di Mariolina Venezia, vincitrice del Premio Letterario Friuli Venezia Giulia “Il racconto dei luoghi e del tempo” con il racconto lungoRitorni, di Nino Haratischwili conLa luce che manca” (Marsilio).

Per la prima volta a pordenonelegge si presentano anche i nuovi libri dei giornalisti Corrado Augias, che ripercorre la vita e l’apostolato diPaolo, l’uomo che inventò il Cristianesimo” (Rai Libri); e Federico Rampini, che dà voce aLa speranza africana” (Mondadori).

Sul filo rosso dell’attualità l’irlandese Sally Hayden presenta la sua inchiestaE la quarta volta siamo annegati” (Bollati Boringhieri), sul sentiero della morte che porta al Mediterraneo. Mentre Cecilia Sala, pubblicaL’incendio. Reportage su una generazione tra Iran, Ucraina e Afghanistan” (Mondadori).

Fra le anteprime internazionali anche lo statunitense Michael Bible con L’ultima cosa bella sulla faccia della terra (Adelphi), e l‘autrice bestseller vietnamita Nguyễn Phan Quế Mai con il nuovo romanzoDove vola la polvere” (Nord edizioni).

Mentre la scrittrice Prix Goncourt Lydie Salvayre firmaLa conferenza” (Prehistorica). Poi Michel Bussi con il nuovo gialloTre vite, una settimana” (e/o), lo scrittore croato Robert Perišic porta al festival la variopinta galleria di personaggi descritti inDisastri esistenziali e spese folli (Bottega Errante, e la poetessa rumena Ana Blandiana sarà a pordenonelegge con la nuova raccoltaVariazioni su un tema datoa cura di Bruno Mazzoni.

Sono tanti gli autori e autrici internazionali che hanno scelto pordenonelegge per la prima presentazione italiana del loro ultimo libro: ci sarà la bestseller R.J. Palacio, autrice di ‘Wonder’, con il suo ultimo romanzo, ‘Pony’ (Giunti). E arriva al festival Emilia Hart, l’autrice dell’esordio internazionale dell’anno: il suo Weyward” (Fazi) ha conquistato l’editoria mondiale suscitando un passaparola istantaneo.

Ci saranno anche Philippe Forest, di cui è appena uscito Io resto re dei miei dolori” (Fandango), il romanziere francese Laurent Mauvignier, con la sua ultima operaLa festa di compleanno” (Feltrinelli) e l’autore argentino Alberto Manguel, allievo di Borges, che racconteràDon Chisciotte e i suoi fantasmi” (Sellerio).

Al festival anche Anil Seth, lo scienziato britannico che si occupa di neuroscienze cognitive: illustrerà il suo ultimo saggioCome il cervello crea la nostra coscienza” (Raffello Cortina). E anche l’accademico Steven Umbrello sarà a pordeonelegge per raccontare, attraverso il suo Oggetti buoni” (Fandango), cos’è il Value Sensitive Design ovvero un design o progettazione sensibile ai valori secondo un’innovazione responsabile e intelligente. Prima anche per l’autrice Erin Doom, che ha scelto pordenonelegge come unica vetrina festivaliera per raccontare il suo ultimo romanzo, Stigma” (Salani).

Al festival anche anteprime italiane, con la prima presentazione dell’autobiografia del grande Maestro della fotografia Dante Spinotti che per La nave di Teseo firma “Dante Spinotti, Una vita per le immagini. Il mio cinema, un film alla volta”. E ci saranno le anteprime dei nuovi libri dello scrittore e drammaturgo Luca Doninelli in libreria per Bompiani con “Nero Fiorentino”, del matematico Piergiorgio Odifreddi che arriva a pordenonelegge con “A piccole dosi. Contro la crisi di astinenza dalla matematica” (Raffaello Cortina editore), del filosofo Marcello Veneziani che presenta “Vico dei miracoli” (Rizzoli), del giallista Piergiorgio Pulixi con “Stella di mare” (Rizzoli), dello psichiatra Vittorino Andreoli in uscita per Solferino con “Insieme si vince. La forza della cooperazione nella nostra vita”, del critico d’arte Luca Beatrice che firma per Marsilio “Le vite. Un racconto provinciale dell’arte italiana”.

Arrivano al Festival con le loro novità il giornalista Toni Capuozzo che presenta per Biblioteca dell’Immagine “Nessuno più canta per strada”, lo psicologo Paolo Legrenzi con “Le cose non sono come sembrano. Perché la vita è meglio di come la immaginiamo” (Solferino), il giornalista Francesco De Filippo sfoglierà il nuovo romanzo “Trieste è un’isola. Le prime involontarie indagini di Vincenzo Tagliente” (Castelvecchi), il neuroscienziato Giorgio Vallortigara presenta “Il pulcino di Kant” (Adelphi), l’autrice e giornalista Cristina Battocletti in libreria per La nave di Teseo con “Epigenetica”, la saggista e conduttrice radiofonica Gabriella Caramore racconta ne “L’età grande” (Garzanti) quanto la vecchiaia sia ormai un tempo in cui tutto è ancora possibile, lo scrittore Antonio G. Bortoluzzi presenta per Marsilio “Il saldatore del Vajont”, e ancora anteprime con l’economista e saggista Geminello Alvi che sfoglierà insieme al pubblico “Io, Virgilio” (Marsilio), il sociologo Luca Ricolfi con “La rivoluzione del merito” in libreria per Rizzoli, la saggista e direttrice IAI – Istituto Affari Internazionali Nathalie Tocci con il nuovo libro per Solferino “Fuori dal tunnel. Come l’Europa può superare la grande crisi”, il divulgatore ed ex “Angelo” di pordenonelegge Max Corona in uscita per Vallardi con “Persone che pensano in grande”, la giornalista Odette Copat presenta “Minicosmi. Una mappa sentimentale” (Biblioteca dell’Immagine), il giornalista e scrittore Franco Faggiani al festival con “La compagnia del gelso” (Aboca).  

La Poesia è un festival nel festival, e in anteprima, oltre alla raccolta di Ana Blandiana, arrivano il libro di Roberto Galaverni, “Carte correnti. Nove lezioni sul senso della poesia”, in uscita per Fazi, e 3 volumi di poesia della Collana Gialla Oro di pordenonelegge/Samuele editore, firmati da Mario De Santis (“Corpi solubili”), Martin Rueff (“Icaro grida in un cielo di crea”), della poetessa slovena Tina Volarič (“Silenzi a più voci – Večglasne tišine”). Più 3 volumi della Collana Gialla con le raccolte di Alessandro Anil (“Terra dei ritorni”), Vincenzo Della Mea: (“Clone 2.0”), Giuseppe Nibali (“Eucariota”).

Le proposte per i lettori Junior sono quelle di Piergiorgio Odifreddi per Mondadori Junior, “Perché studiare matematica (non) è impossibile”, mentre Gherardo Colombo con Fabio Caon torna in libreria per Salani con “Chi è stato? Come diventare cittadini responsabili”. Azzurra D’Agostino con Jacopo Casiraghi firma per Giunti “Ghost light. Insieme fuori dal buio”. Nuovo libro anche per Riccardo Gazzaniga in libreria per Rizzoli con “Quello che non dicono. Storie di animali che ci insegnano a essere umani”, serie di racconti dedicati al mondo animale su cui riflettere e da cui imparare; arrivano anche i ragazzi brillanti, sensibili, sognatori protagonisti di “Case rosse” (Il Castoro) di Susanna Mattiangeli con i disegni di Rita Petruccioli; Giuseppe Festa presenta “La notte dei cervi volanti” (Salani), e Giovanni Nucci racconta “Roma. I miti e gli eroi” (Salani).

A pordenonelegge anche le novità di autrici e autori in uscita nel mese di settembre: come il nuovo lavoro di Emanuele TreviLa casa del mago” (Ponte alle Grazie), di Natasha Solomons pubblica per Neri Pozza “Romeo e Rosalina”, una riscrittura inaspettata e intrigante dell’iconica storia d’amore shakespeariana, Mauro Corona firma per Mondadori “Le altalene”, un romanzo monologo dedicato ai suoi luoghi. E ancora, Tiziano Scarpa arriva al festival con “La verità e la biro” (Einaudi), una carrellata di racconti di personaggi e momenti rivelatori dei rapporti con gli altri, che, guardando indietro, fanno ridere, soffrire e a volte disperare; Roberta Scorranese accompagna il lettore in un viaggio nell’arte attraverso i corpi delle donne con il libro “A questo serve il corpo”  in libreria per Bompiani e Paolo Repossi racconta l’antico mestiere del vignaiolo che si tramanda di generazione in generazione nonostante le vicissitudini del tempo e della vita ne “Il rito del filare. Piccola disciplina del vigneto” (Ediciclo).

 

Visited 29 times, 1 visit(s) today