Il FVG ponte tra cultura europea e asiatica

Reading Time: 2 minutes

Presentata a Udine la 26esima edizione del Far East Film Festival: nove giornate tra prime mondiali e anteprime internazionali

Condividi
Da sinistra Anzil, De Toni e Belli (ph. Regione FVG)

Da sinistra Anzil, De Toni e Belli (ph. Regione FVG)

UDINE – Presentata al Visionario la 26esima edizione del Far East Film Festival, una tra le principali rassegne europee dedicate al cinema dell’estremo Oriente.

Il programma conta quest’anno 74 titoli (15 le anteprime mondiali, 24 quelle internazionali, 19 quelle europee e 13 quelle italiane) provenienti da 11 paesi.

Atteso dal 24 aprile al 2 maggio, tra gli spazi del Visionario stesso e del quartier generale storico del Teatro Nuovo, l’evento come di consueto porterà la cultura cinematografica orientale nel cuore del capoluogo friulano con proiezioni dalla mattina alla sera, talk, rassegne stampa live quotidiane, dive e divi in sfilata sul red carpet e numerosi altri approfondimenti e itinerari.

Nove giorni di proiezioni

Saranno 75 le proiezioni previste nelle 9 giornate della rassegna 2024, di cui 15 prime mondiali (incluse quelle dei classici restaurati), 26 anteprime internazionali, 18 anteprime europee e 14 anteprime italiane. Se, lo scorso anno, il festival ha documentato le conseguenze culturali e commerciali post-pandemiche, disegnando una mappa che toccava 14 paesi dell’Asia, quest’anno documenterà i segnali di un’industria generalmente in ripresa, animata da espressioni artistiche e da artisti che spesso rappresentano e simboleggiano una cesura tra “prima” e “dopo”.

Per quanto riguarda le premiazioni in programma, il Gelso d’Oro alla carriera verrà consegnato nelle giornate conclusive della rassegna al regista e sceneggiatore Zhang Yimou e al produttore Chiu Fu-sheng.

Spetterà al pubblico, invece, stabilire i tre film che saliranno sul podio del Far East edizione 2024, mentre il Gelso Bianco per la miglior opera prima e il Gelso per la miglior sceneggiatura sarà assegnato da due giurie specializzate, tra cui figurano alcuni giurati del Premio “Sergio Amidei” di Gorizia nell’ambito di una collaborazione con il Far East in vista di Go!2025.

Alla presentazione odierna sono intervenuti il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Cultura, Mario Anzil, il sindaco di Udine, Alberto Felice De Toni, e Albino Belli, direttore di EstEnergy del Gruppo Hera, partner commerciale del Far East.

Visited 12 times, 1 visit(s) today
Condividi