Il calcio come strumento di inclusione

Reading Time: 2 minutes
Condividi

Rinnovato a Campolongo Tapogliano l’annuale incontro tra il Torre TC e le persone con disabilità intellettiva dell’associazione “Domus Laetitiae”

Condividi

Francesco Russiani del Torre T.C. premia Nazzaro Lama

CAMPOLONGO TAPOGLIANO – Si è rinnovato, sul campo di Tapogliano, l’appuntamento con la partita di calcio tra i ragazzi del Torre T. C. e gli amici del Domus Laetitiae di Biella.

L’associazione si rivolge, principalmente, a persone con disabilità intellettivo-relazionale/mentale, anche con importanti compromissioni sanitarie e comportamentali o con problematiche che riguardano l’autismo.

Un’iniziativa nata due anni fa dall’idea della dirigente rossoblu Lidia Franzot, coadiuvata dalle amiche Monica, Manuela e Lella e dall’istruttore dell’istituto di Biella, Nazzaro Lama.

La manifestazione, che ha visto la partecipazione di una rappresentanza del Torre T. C. e del gruppo calcistico di ragazzi con disabilità del gruppo di Biella, si è svolta in un clima di grande festa e sportività.

La partita, ormai un vero e proprio gemellaggio tra le due compagini, è stata l’occasione per stare insieme e per far trascorrere dei momenti di gioia e serenità ai ragazzi meno fortunati.

Al termine dell’incontro, dopo le premiazioni di rito, si è tenuta una grande festa con cena per tutti i partecipanti.

L’evento si svolge in memoria di “Topino”, ex calciatore rossoblu e marito di Lidia Franzot.

“La società Torre T. C. – sottolineano i dirigenti –, oltre agli ideatori dell’iniziativa, desidera ringraziare Monica e Manuela del chiosco, i ragazzi del Torre T. C. e, soprattutto, i bravissimi calciatori dell’istituto di Biella”.

La partita di calcio tra Torre T. C. e Domus Laetitiae è un’occasione importante per stare insieme e per promuovere i valori della solidarietà e dell’inclusione.

Lo sport, in questo caso, diventa un mezzo per abbattere le barriere e per creare ponti tra mondi diversi. Un’occasione preziosa per vivere un’esperienza unica e per imparare a conoscere e apprezzare la diversità.

Visited 323 times, 1 visit(s) today