Gli alunni scrivono e Mattarella risponde

Reading Time: 2 minutes
Condividi

Il plauso del Presidente della Repubblica agli studenti della primaria di San Vito al Torre per i loro progetti su scuola e paese

Condividi

Scuola primaria Foscolo

SAN VITO AL TORRE – Alcuni giorni fa l’ufficio di segreteria dell’Istituto Comprensivo Destra Torre di Aiello del Friuli, diretto dalla dirigente scolastica Oriana Gilotti, ha ricevuto una telefonata inaspettata.

Quella della segreteria del Presidente della Repubblica con la quale si informava che il Presidente Sergio Mattarella ringraziava sentitamente i bambini e le maestre e si compiaceva per il senso civico e di comunità dimostrato.

Tutto era partito qualche mese fa quando l’allora commissario straordinario di San Vito al Torre, Silvia Zossi, aveva ricevuto una lettera da parte dei ragazzi di classe quinta della scuola primaria “Ugo Foscolo”, nella quale descrivevano le loro idee, le loro proposte e i loro sogni per una scuola e un paese migliore.

Questa lettera esprimeva l’attaccamento dei bambini alla comunità nella quale vivono e studiano e testimonia il loro porsi, già in così giovane età, fattivamente al fianco delle istituzioni per offrire la loro genuina collaborazione, con senso di vera responsabilità. Nel loro scritto semplice e sincero gli alunni hanno chiesto: uno spazio nuovo per la biblioteca, ritinteggiatura degli ambienti scolastici con murales all’esterno, nuove attrezzature per la palestra e nuovi armadietti, l’istituzione di un Consiglio Comunale dei Ragazzi (come nella vicina Aiello del Friuli), dare una nuova vita agli spazi del ricreatorio, potenziare le piste ciclabili e abbellire gli spazi verdi con alberi e fiori.

Una volta letta, il commissario Silvia Zossi ha voluto interessare il Capo dello Stato di questa iniziativa venuta da ragazzini e ragazzine di quinta elementare con una conclusione che potrebbe preludere ad altri sviluppi in futuro.

Visited 552 times, 1 visit(s) today