Calcolo mentale, Udine premia i migliori in Italia

imagazine_icona

redazione

9 Maggio 2023
Reading Time: 2 minutes

Sono Domenico Mancuso di Torino e Michelangelo Sabatini di Narni i primi classificati in assoluto

Condividi

UDINE – Domenico Mancuso, 49 anni di Torino, e Michelangelo Sabatini, 29 anni di Narni (Terni), sono i nuovi campioni italiani di calcolo mentale. Si sono classificati primi ex aequo, grazie a un test perfetto, nella gara nazionale che si è svolta all’Università di Udine.

Alla sfida hanno partecipato circa 130 aspiranti campioni di tutte le età, scuole, università, professioni provenienti da ogni parte del Paese.

Oltre al miglior classificato in assoluto, la sfida prevedeva anche altre tre categorie. Fra gli studenti delle scuole medie, il primo posto è andato a Matteo Cappiello, 13 anni di Meda (Monza Brianza), fra quelli degli istituti superiori a Samuel Stripoli, 14 anni di Bari. Fra i concorrenti con più di 60 anni la migliore è stata Antonella Fort 60 anni di Arcore (Monza Brianza).

Il podio

Nella categoria assoluta, al secondo posto è arrivato Andrea Attili di Terni, al terzo Giovanni Battista Scambia di Roma. Fra gli studenti delle medie, medaglia d’argento per Cristiano D’Andrea di Codroipo, bronzo per Filippo Viglione di Cassano D’Adda (Milano). Per le scuole superiori, secondo Lorenzo Unia di Soriano nel Cimino (Viterbo), terzo Giandomenico Scalzi di Soverato (Catanzaro). Fra gli over 60, secondo posto per Giorgio Dendi di Trieste, terzo Denis Turello di Udine.

«Siamo molto felici – spiega il coordinatore della gara, Stefano Urbinati, docente di matematica all’Ateneo friulano – che Studio Giochi abbia chiesto al Dipartimento di Scienze matematiche, informatiche e fisiche di collaborare nell’organizzazione di questo evento. La gara di calcolo mentale mette in risalto una tra le tante attitudini che legano la matematica al gioco. E la matematica dei giochi, per quanto sia una teoria molto complicata, come non pensare a John Nash, è una matematica che coinvolge e cattura prima o poi ognuno di noi».

 

Visited 28 times, 1 visit(s) today
Condividi