Baseball per ciechi, Staranzano cede all’esordio

imagazine livio nonis

Livio Nonis

5 Giugno 2021
Reading Time: 3 minutes

Guarda tutte le foto

Condividi

Una breve visita, ma intensa, dell'arcivescovo della Diocesi di Gorizia, monsignor Carlo Roberto Maria Redaelli, che ha accolto con piacere l'invito del presidente della società Staranzano BXC (Baseball per Ciechi) Franco Buttignon, per la consegna della pallina sonora al primo battitore dell'incontro d’esordio in campionato tra i padroni di casa e il Patrini Malnate di Varese.

Com'è usanza nel baseball, infatti, all'inizio della stagione nella prima partita casalinga il primo lancio, questa volta la consegna della pallina, è fatto da una personalità di spicco del luogo.

Non è facile gestire ragazzi ciechi o ipovedenti, molto bravi gli allenatori e accompagnatori che riescono a dare stimoli e voglia di giocare a ragazzi e ragazze che purtroppo hanno perso o non hanno mai avuto il senso della vista.

L'arcivescovo, sensibile a queste problematiche, ha voluto esserci portando un messaggio di speranza dopo i mesi complicati della pandemia.

Ad attendere il presule all'ingresso del campo comunale in via Atleti Azzurri d'Italia c'erano il sindaco di Staranzano, Riccardo Marchesan, il parroco don Paolo Zuttion, una rappresentante dei Lions di Monfalcone, che da anni sostiene la società, e naturalmente il presidente della Staranzano BXC Buttignon.

Con gli atleti sul diamante di gioco e nei pressi del dugout, prima è stata recitata una preghiera, successivamente monsignor Redaelli ha impartito la benedizione alle squadre, agli arbitri, ai dirigenti e a tutti gli spettatori presenti.

Poi il momento clou: facendone sentire il rumore, il presule ha consegnato a Gaetano Casale dei Petrini Malnate la palla sonora e ha augurato un grande in bocca al lupo a tutti. Prima dell’inizio dell’incontro, il presidente Franco Buttignon ha consegnato all'Arcivescovo un berretto di baseball con il logo degli “Staranzano BXC”. 

 

STARANZANO BXC – PATRINI MALNATE VARESE 0-14

Il primo punto per i Patrini è portato a casa da Casale, seguiti da altri tre realizzati da Neto, Rosafio e Agnello.

Lo Staranzano comunque dopo il momento negativo del primo inning, che lo vede sotto di quattro punti, sfodera ottime assistenze in seconda base verso il giocatore vedente ad opera delle nuove reclute rovigine, l'interbase Schiesaro e la seconda base Marzana, tanto che i due inning successivi tengono fermi i varesini con zero punti. In attacco i grigio rossi staranzanesi battono con troppa veemenza, venendo messi in out su “battute in fly”, specie dal giocatore gambiano Ba e da Crescenzi. I varesini dal canto loro sbagliano troppi arrivi a casa.

La partita si chiude al quarto inning con ben due HR dei Patrini a opera di Agnello; successivamente un altro HR da due punti di Casale alla quinta ripresa dichiara chiusa la gara.

Se i Patrini non nascondono la loro volontà di ben primeggiare in questo Campionato, le new entry dello Staranzano ben figurano al loro esordio, scandito in fase di battuta dall'applauso di tutte due le squadre, anche se ancora impacciati dopo solo un paio di mesi di allenamento e non essendo mai entrati in clima partita.

Esordio in seconda base vedente del coach Bucca.

Il risultato di 14-0 non impensierisce le notti del presidente Buttignon ben conscio di avere degli uomini su cui fare affidamento per le prossime partite.

Condividi