A scuola di emergenza

imagazine livio nonis

Livio Nonis

3 Ottobre 2022
Reading Time: 2 minutes

Riproposta la “Notte in tenda”

Condividi

Mancava da due anni, causa pandemia, l’esperienza della “Notte in Tenda” per i ragazzi delle terze classi della scuola secondaria di primo grado Cecilia Deganutti di Perteole e della scuola Achille Venier di Aiello del Friuli.

Un'iniziativa del Gruppo di Protezione Civile “Destra Torre” che comprende i comuni di Ruda, Campolongo Tapogliano, Aiello del Friuli, Visco e San Vito al Torre, che ha permesso a una settantina di giovani di vivere un’esperienza che li ha visti protagonisti dando loro la possibilità di conoscere situazioni diverse che possono capitare nella vita, durante una qualunque giornata, e che si possono risolvere in maniere positiva, imparando e ascoltando chi è preposto a insegnare e a spiegare come comportarsi.

La tre giorni è iniziata con un’impegnativa lezione con un funzionario della Protezione Civile regionale che ha spiegato la funzione della struttura e l’organizzazione della PC stessa.

Il giorno successivo, sabato, è stata la giornata più impegnativa, iniziata a scuola con una lezione dei Vigili del Fuoco di Cervignano del Friuli; successivamente c’è stato il trasferimento alla sede della Protezione Civile Comunale a Perteole, l’ex caserma Bruno Jesi, dove i sindaci Franco Lenarduzzi di Ruda, Roberto Festa di Aiello del Friuli e Alberto Urban di Campolongo Tapogliano hanno portato ai partecipanti il loro saluto.

Dopo il rancio, i ragazzi e le ragazze hanno appreso come montare tende e brandine, e si sono cimentati con impegno in questo lavoro per preparare i loro alloggi per la notte.

In serata l’esperienza è continuata con una lezione di Giovanni Santoro del MIT (Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti) che ha spiegato la struttura esecutiva dello Stato, responsabile nei rischi idrogeologici e negli interventi che si devono effettuare.

Luca Quargnal ha introdotto una lezione sul triangolo del fuoco; per esserci una combustione devono essere contemporaneamente presenti tre elementi: combustibile, comburente e fonte d'innesco. Solo la contemporanea presenza di questi tre elementi (triangolo del fuoco) dà luogo al fenomeno dell'incendio, in assenza di almeno uno di essi l'incendio si spegne.

Dopo la cena, in serata, c’è stata una prova pratica con la Croce Verde Bassa Friulana di Cervignano del Friuli, nella quale i ragazzi e ragazze hanno potuto vedere l’interno del mezzo d’emergenza mentre un addetto spiegava le funzioni degli operatori durante un’azione di soccorso.

Infine per concludere la giornata il Gruppo cinofili ha messo in azione i cani in cerca di persone scomparse o sotto le macerie.

La notte è trascorsa in modo tranquillo, non c’è stata la pioggia solo molta umidità. Al risveglio sono state smontate le tende per essere messe ad asciugare, e dopo i saluti con i volontari della Protezione Civile del distretto Destra Torre, tutti a casa con un nuovo bagaglio di competenze acquisito.

 

Visited 2 times, 1 visit(s) today
Condividi