Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Il precario e il professore

sidotibattiston-fotodanielacrevena.jpg
Udine
Visionario, via Villalta 24
17/03/14
19

Una serata per parlare di gente in attesa. Di un’umanità che aspetta la propria occasione di vita, perché dimenticata dalla vita. Questo è il mondo in cui si muovono le figure descritte dalle canzoni di Sidoti. Poco importa che si tratti di eterni studenti o di fate o di orchi: sono personaggi ai margini che aspettano l’occasione di riscatto da un’esistenza opaca, da una società che non ha né dà fiducia alle giovani generazioni e riempie il nostro quotidiano di regole incomprensibili ed aride finalizzate soltanto alla passiva omologazione. Un mondo che non è più in attesa di niente. È per questo che quei personaggi sono – e diventano –  anche inattesi.

In questo universo di figure cantate, immaginarie o reali, si muove un personaggio reale ai limiti dell’immaginario: il professore. Animato dal desiderio costante di apparire laddove si raggruppano delle persone, Battiston compie una serie di incursioni dispensando la sua disincantata visione del mondo. A differenza della gente inattesa, egli non ha più alcuna aspettativa e ne va fiero, ed è proprio da questa condizione che parte la sua lezione di vita, una filosofia del nulla che ha nell’elogio della superficialità la sua punta più alta. Il professore idolatra e sostiene tutto ciò che è divertimento fine a se stesso, inutile perdita di tempo, le piccole astuzie e meschinità che permettono di aggirare gli ostacoli del quotidiano, insomma il compiacimento di fare e di essere dei furbetti. Una serata di cinismo e canzone dove la levità della musica si fonde con pensieri grevi in un equilibrio tra leggerezza e superficialità. Allo spettatore scegliere a quale dimensione appartenere.

Piero Sidoti ha già lavorato con il suo amico d’infanzia Giuseppe Battiston negli spettacoliPagine a due in musica e Particelle, vincendo per quest’ultimo il Premio Gaber (un riconoscimento con la erre maiuscola che si aggiunge ad altri due riconoscimenti con la erre maiuscola come il Recanati e il Tenco). Sempre con Battiston ha cantato il singoloLeggermente, scelto come colonna sonora della Prima scuola (progetto che si accompagna all’uscita del film La prima neve di Andrea Segre). L’attore e il cantautore giocavano insieme da piccoli e ancora continuano a giocare con passione, sul palcoscenico, usando la musica e il teatro…