Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Luisa

Spettacolo della Compagnia di Arti & mestieri, nell'ambito di "Voci di Donne 2014"
luisa.png
Cervignano del Friuli
Teatro Pasolini, piazza Indipendenza 33
28/02/14
20.45

Luisa à una donna sola, in un bagno davanti ad una specchio. Ripercorre la sua vita e nei flash della memoria compare la sua infanzia, la scena si popola dei personaggi familiari, nei pensieri di una notte qualcosa si dipana, l’alba se non ripara chiarifica e questo per Luisa è già molto. 
Il tema è la violenza sessuale subita nell’infanzia. Fatto purtroppo non infrequente che segna la vita di molte donne, molte delle quali non riescono a superare la lacerazione che si è prodotta quando erano bambine. Altre svolgono una vita apparentemente normale, come se nulla fosse successo, come Luisa. Il vuoto dell’infanzia si è mascherato in un atteggiamento falsamente sicuro di sé, in un rapporto strano e sempre perdente con gli uomini, nell’essersi fatta maschera del desiderio maschile, così come aveva appreso nell’infanzia, e nell’iterare all’infinito quel rapporto in cui lei chiede affetto ad un lui per il quale lei non c’è, in nessun caso, né come bimba, né come donna. 
Solo il ricordo della madre, l’unica altra donna che poteva darle identità la aiuterà nella risalita verso se stessa.
Il testo Luisa nasce dalla collaborazione  di molte donne con cui l’autrice si è confrontata dal 1995 ad oggi. Ha assunto nel corso degli anni diverse forme di cui questa è l’ultima sintesi frutto anche della riflessione e dell’elaborazione dei temi che la rappresentazione dello spettacolo ha permesso.

La Compagnia di Arti & Mestieri è presente dal 1983 in Regione Friuli Venezia Giulia, si propone di promuovere la cultura del teatro, come luogo della rappresentazione della vita, presentando al più vasto pubblico spettacoli di drammaturgia contemporanea e su temi di attualità.
Nel 1983 quando è nato il sodalizio l’attività si concentrava sulla musica antica, la danza rinascimentale ed il teatro. Dal 1987 la Compagnia sotto la direzione di Bruna Braidotti, inizia un percorso di approfondimento su temi legati alla specificità femminile e al teatro per i giovani. Nel 1997 si apre un nuovo capitolo quello del teatro ambientale, viene prodotto lo spettacolo Storie di Fiume, che dal 1998 continua ad essere rappresentato in tutto il Nord Italia, e da cui nascerà la rassegna interregionale “Teatri fuori dai teatri”, giunta nel 2012 alla sua 13° edizione. 
Nel 2006 viene organizzato il primo festival internazionale di teatro al femminile “La scena delle donne” che ha una cadenza annuale ed è giunto quest’anno alla sua IX edizione.
Dal 2004  viene ripresa la rassegna  di teatro per la scuola “La vita a teatro”.
Nel 2000 l’attività di formazione si struttura in una scuola: “Scuola popolare di teatro” , situata in una sede del Comune di Pordenone,  che  è diventata un riferimento formativo regionale e interregionale.
L’attività sul territorio continua con le tre rassegne, la produzione di nuovi spettacoli di teatro ambiente, teatro e donne, teatro  e giovani, e la scuola di teatro con un impegno sempre maggiore sulla rappresentazione del territorio, sul teatro civile e sull’interesse per i giovani.

Bruna Braidotti partendo dalla Commedia dell’Arte che ha studiato con Carlo Boso al Tag teatro di Mestre, dalla danza contemporanea e dal teatro di strada, ha proseguito la sua formazione con maestri internazionali (da Sofia Kalinska del Cricot 2, Jury Aschitz a Judith Malina). Dagli anni '90 conduce una ricerca specifica per un teatro delle donne. Accanto al suo impegno artistico come attrice in Compagnie nazionali (Tag Teatro di Mestre, Mago povero di Asti, è tra i fondatori di Bel.teatro, collabora per diversi anni con il CTR di Mestre) e nella Compagnia di Arti & Mestieri di cui é direttrice dal 1987, allestisce spettacoli ed elabora drammaturgie originali sull'ambiente (Storie di fiume) e di carattere storico (Italia) e sociale (Luisa). Ha condotto interventi, convegni e performance, con l'intento di portare sulla scena la specificità femminile. 
Come drammaturga vince i premi: “Roma-Donne e teatro” edizione 2007 con lo spettacolo Italia, premio Capri 2008 per l’Italia alla quarta edizione della biennale internazionale “La scrittura della differenza”con Il racconto del mulino, premio "Roma - Donne e teatro" edizione 2013 con lo spettacolo La commedia delle donne.  Attualmente oltre a dirigere la compagnia di Arti & Mestieri dal 1987, rappresenta a livello nazionale i proprio spettacoli, insegna teatro presso la Scuola Popolare e fa parte del Women Playwrights International come delegata italiana.