Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

CuriosArta

Incontro sul tema "Funghi velenosi e commestibili della Carnia" a cura di Salvatore Spata (Associazione Micologica "Bresadola" di Vigevano).
funghi-porcini.jpg
Arta Terme
Stabilimento termale, via Nazionale 1
05/09/13
17

La Carnia, in quanto terra ricca di molteplici habitat naturali e di particolari biotipi, è sempre stata molto prodiga in fatto di funghi, sia come produzione quantitativa che come numero di specie e, quindi, meta di elezione, durante i periodi di massima fruttificazione fungina, di raccoglitori, di appassionati e di studiosi provenienti da tutte le regioni. Gli ambienti dove la gran parte della specie fungina da noi fruttifica in maniera più abbondante sono i boschi di latifoglie, conifere e misti di alto fusto, le zone di margine, gli arbusti ed i prati. Le condizioni climatiche ed orografiche, caratterizzate anche dall'abbassamento dei limiti altimetrici, hanno una grandissima importanza sulla distribuzione della vegetazione in Carnia ed influenzano, quindi, anche lo sviluppo e la distribuzione delle specie fungine. Non tutti i periodi dell'anno sono ugualmente propizi per la raccolta dei funghi, il cui optimum di fruttificazione è legato al tempo caldo-umido. Questi "frutti" dei boschi hanno sempre suscitato un certo mistero nella mente dell'uomo. Le loro attraenti forme e colori possono, però, essere ingannevoli. La raccolta necessita, quindi, di molta esperienza ed attenzione, sia nel riconoscimento che nella conservazione. Si parlerà, quindi, di come individuarli, conservarli e cucinarli.