Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Iniziativa di Poste Italiane

Attualità
04 dicembre 2020

Etichetta la cassetta: in FVG coinvolti 25 comuni

a cura della redazione
Fornite ai cittadini le etichette da esporre sulle cassette domiciliari e sul citofono condominiale
CONDIVIDI
37210
Attualità
04 dicembre 2020 della redazione

È stata avviata in diverse località del Friuli Venezia Giulia la nuova iniziativa di Poste Italiane “Etichetta la cassetta”.

Venticinque i comuni coinvolti nella campagna (Prato Carnico, Pozzuolo del Friuli, Fiumicello Villa Vicentina, Ruda, Bicinicco, Risano, Cividale del Friuli, Basaldella, Pontebba, Majano, Tolmezzo, Trieste, Duino Aurisina, San Quirino, Roveredo, Claut, Cimolais, Campagna di Maniago, Aviano, Pasiano di Pordenone, Azzano Decimo, Sequals, San Floriano, Capriva, Villesse, Grado), dove i cittadini con cassetta “anonima” stanno ricevendo, in queste settimane, una comunicazione da parte dell’Azienda che li invita ad apporre le etichette con il proprio nome e cognome sulle cassette domiciliari e sul citofono condominiale. Le etichette da utilizzare, a strappo e adesive, sono state incluse gratuitamente nella lettera di avviso.

“Può avvenire infatti che, nonostante l’efficienza del servizio di smistamento della corrispondenza, la consegna finale sia resa oggettivamente impossibile da un piccolo elemento, all’apparenza poco significativo, ma determinante: la presenza del nome e cognome dei cittadini sul citofono o nella cassetta delle lettere, il che non permette la corretta identificazione del destinatario della corrispondenza”, spiega Poste Italiane in un comunicato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Attraverso il progetto “Etichetta la cassetta”, i cittadini sono invitati anche a comunicare l’indirizzo aggiornato ai propri mittenti abituali, in particolare i fornitori delle utenze, altro elemento che spesso complica il servizio di recapito. Inoltre Poste Italiane ha avviato un percorso di collaborazione con le istituzioni locali in ottica di una reciproca condivisione per intervenire sulla toponomastica, perché la corretta esposizione delle vie e dei numeri civici contribuisce a rendere efficace il servizio, soprattutto nei territori periferici.

Commenti (0)
Comment