Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

La conferma dell'assessore Riccardi

Attualità
25 novembre 2020

Terapie intensive, il FVG 175 posti disponibili

a cura della redazione
In parte già attivi o attivabili in 24-48 ore. "Preservati letti anche per criticità extra Covid: dai politraumi alla chirurgia maggiore"
CONDIVIDI
37089
L'assessore regionale alla sanità, Riccardo Riccardi (ph. ARC Montenero - Regione FVG)
Attualità
25 novembre 2020 della redazione

Confermata la disponibilità di posti letto di terapia intensiva della Regione Friuli Venezia Giulia, pari a 175. Si tratta di posti letto in parte già attivi o attivabili in 24-48 ore. Gli standard definiti si basano su criteri condivisi con il ministero della Salute.

A darne conto oggi è stato il vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, rispondendo in Aula all'interrogazione a risposta immediata in merito alla situazione delle terapie intensive regionali. Riccardi ha fornito il dettaglio, per le singole Aziende, alle date del 3, 14 e 23 novembre, considerando i posti letto dedicati alla gestione dei pazienti Covid. Dal 3 novembre all'11 novembre l'Asugi passa da 12 a 15 posti letto raggiungendo quota 17 il 23 novembre, negli stessi periodi l'Asufc ne registra 22 raggiungendo i 30 il 23 novembre, l'Asfo passa da 10 a 11, il Burlo ne conta 2 il 3 e il 14 novembre e scende a 1 il 23 scorso. Il totale per tutte le Aziende è di 46 posti letto al 3 novembre, saliti a 50 il 14 e a 59 il 23 scorso.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"I posti letto Covid - ha precisato Riccardi - sono stati attivati coerentemente alla necessità di accogliere i pazienti positivi al virus ad alta intensità di cura, preservando i restanti posti letto intensivi per la gestione delle altre situazioni di criticità vitale quali, ad esempio, i politraumi, o ad alta intensità di cura come la gestione di pazienti sottoposti a chirurgia maggiore. L'attivazione è stata condotta secondo le esigenze di accoglimento dei pazienti Covid e al personale necessario per gestirli. Il piano di attivazione di ulteriori posti letto prevede la conseguente e necessaria riassegnazione del personale in atto".

Commenti (0)
Comment