Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

L'esperienza dello Sci Club Due

Sport
13 ottobre 2020

La vela come scuola di inclusione

di Livio Nonis
Alla vigilia della Barcolana gli atleti diversamente abili della società di Ronchi e Monfalcone hanno vissuto un'esperienza speciale a bordo di Anywave Safilens
CONDIVIDI
36783
Sport
13 ottobre 2020 di Livio Nonis Image

È stata una festa quella che hanno vissuto una decina di giovani diversamente abili in occasione della BARCOLANA 2020 che quest'anno, causa le avverse condizioni meteorologiche, non ha potuto vivere la gara della Coppa d’Autunno. 

Ma una decina di ragazzi appartenenti allo SCI CLUB DUE US. ACLI MONFALCONE-RONCHI, grazie al presidente Adriano Orsi e alla sensibilità dell'armatore e di tutto il team con in testa il timoniere Alberto Leghissa e lo skipper monfalconese Mauro Pelaschier, accompagnati dai loro assistenti e dai dirigenti del club ronchese, hanno avuto modo di veleggiare per quattro ore nella giornata di vigilia, il sabato, a bordo della Anywave Safilens.

L’imbarcazione maxi da regata, grazie al suo equipaggio formato da sedici uomini, che nel 2017 si è classificata al quinto posto della Barcolana, in queste quattro ore agli ordini di Mauro Pelaschier si è cimentata in una serie di virate da brivido. È stata questa una bella e emozionante esperienza non solo per i ragazzi, ma anche per il fondatore del club Fiorenzo Boscarol, che nei pochi momenti di riposo del team, ha avuto modo di conversare con Pelaschier, ricordano quando anche lui, nei primi anni settanta, si dedicava alla pratica dello sci alpino con lo storico club ronchese.

“È stata veramente una bella ed emozionante esperienza che non dimenticheremo – ha confidato Boscarol – e per questo desidero ringraziare Alberto Leghissa, Mauro Pelaschier e tutto l'equipaggio, ma  anche  gli amici  fotoreporter Andrea Carloni e Anna, che  a bordo di un piccolo gommone ci hanno seguito per tutto il percorso, scattando centinaia di fotografie”.

Commenti (0)
Comment