Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Cerimonia di inaugurazione alla "Ardito Desio"

Attualità
18 settembre 2020

Palmanova, riqualificata la palazzina della Casa di Riposo

a cura della redazione
Completati i principali lavori di riqualificazione sullo stabile di Contrada Savorgnan. Da martedì inizia la riapertura di via Cairoli
CONDIVIDI
36109
Attualità
18 settembre 2020 della redazione

Con l’inaugurazione di oggi, si chiudono i principali lavori di riqualificazione sullo stabile di Contrada Savognan della Casa di riposo ASP “Ardito Desio” di Palmanova.

“Finalmente, dopo anni di vicissitudini burocratiche e difficoltà, siamo giunti alla conclusione dei lavori che hanno permesso di rinnovare completamente gli spazi della palazzina”, commenta il presidente dell’ASP Claudio Kovatsch, assieme al direttore Flavio Cosatto.

Lavori iniziati nel 2011 con le precedenti gestioni della struttura e che hanno visto un primo investimento di 2.136.000 euro, in parte coperto da contributo regionale e da un mutuo regionale, per opere di manutenzione straordinaria che hanno comportato il sopraelevamento di una parte della palazzina, il rifacimento completo dell’impiantistica, l’abbattimento di tutte le barriere architettoniche e la posa di nuovi serramenti e nuove porte. Altri 465.000 euro, grazie a un altro contributo regionale, sono stati investiti per migliorare la resistenza antisismica. Un nuovo impegno finanziario ha visto arrivare 490.000 euro dalla Regione a cui si sono aggiunti 700.000 di mutuo acceso dall’ASP stessa per il completamento dell’edificio oggetto dell’inaugurazione odierna. I lavori di efficientamento energetico, per un valore di circa 550.000 euro, sono già stati appalti e di questi un primo lotto già è stato concluso.

“Per il grande lavoro svolto –aggiunge Kovatsch –ringrazio le ditte che hanno effettuato gli interventi nonché tutti i soggetti che ci hanno aiutato a giungere a questo risultato. Un abbraccio ideale va a tutti i dipendenti e collaboratori esterni, impegnati quotidianamente nell'obiettivo comune di salvaguardare salute e benessere degli ospiti. Ora, ancora di più, abbiamo una struttura rinnovata e adeguata alle esigenze degli ospiti”.

Il programma dei lavori proseguirà con la progettazione esecutiva e successiva realizzazione dei lavori per l’obbligatorio processo di riclassificazione della residenza protetta: il contributo di 1.000.000 di euro sul bando EISA 2019 permetterà la realizzazione di nuove camere di degenza, consentendo alla struttura di passare dagli attuali 94 posti letto per non autosufficienti ai futuri 103 posti letto e la redistribuzione ottimale dei locali da adibire al servizio di animazione, di fisioterapia e degli uffici amministrativi.

“Serve un’attenzione particolare – afferma il sindaco di Palmanova, Francesco Martines – a strutture sensibili come le case di riposo. Sono stati anni di contatti quotidiani con la dirigenza dell’ASP per risolvere i mille problemi che ora sono finalmente superati. Con orgoglio rivendichiamo una gestione sana, con prevalenza di personale dipendente, rette contenute e un servizio di qualità. Con grande gioia riapriremo finalmente il secondo anello e l’anno prossimo anche il terzo, grazie ai lavori di costruzione della nuova stazione del trasporto pubblico locale”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Durante la cerimonia d’inaugurazione il primo cittadino ha voluto consegnare un encomio ufficiale dedicato a tutti gli operatori dell’ASP per l’impegno messo nel fronteggiare “tutti insieme, uniti, con spiccato spirito di sacrificio l’emergenza sanitaria Covid-19”

“La nostra massima gratitudine – sottolinea l’assessore regionale alla sanità Riccardo Riccardi – deve andare al personale sanitario per come ha e sta affrontando le difficoltà della crisi sanitaria. Strutture come questa sono importanti perché offrono un servizio che si innesta tra il domicilio e la struttura sanitaria ospedaliera. Dobbiamo lavorare sulla fragilità: la vera scommessa del futuro è riformare il sistema di gestione di questo livello di assistenza, per assicurare massima tranquilla ad ospiti, professionalità sanitarie e famiglie. Complimenti per i risultati e il lavoro svolto qui a Palmanova”.

Commenti (0)
Comment