Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Siglato il Protocollo sperimentale d'intesa

Società
11 settembre 2020

Disabilità e autismo, a Trieste un Centro sociosanitario integrato

a cura della redazione
Consentirà in particolare la presa in carico delle persone con disturbi dello spettro autistico. Sorgerà nel Parco di San Giovanni
CONDIVIDI
35997
(ph. Myriam Zilles da Pixabay)
Società
11 settembre 2020 della redazione

È stato approvato a Trieste lo schema di Protocollo sperimentale d’intesa tra il Comune di Trieste e l’Azienda Sanitaria Universitaria Giuliano Isontina (ASUGI) per la realizzazione di un Centro sociosanitario integrato per la presa in carico delle persone con disabilità, in particolare con disturbi dello spettro autistico, progettato congiuntamente dal Servizio Sociale comunale e dalla Direzione Sanitaria, Socio-Sanitaria e altri specialisti di ASUGI.

"L'obiettivo – afferma il vicegovernatore della Regione FVG, Riccardo Riccardi –  è quello di realizzare servizi unitari in un'ottica multi disciplinare, prevedendo prestazioni sanitarie e di inserimento sociale attraverso gli opportuni sostegni, rinforzando ulteriormente i percorsi esistenti e considerando  anche quelle persone  con disturbo dello spettro autistico, garantendo una presa in carico da parte di un team funzionale che si integri con le attività delle equipe multidisciplinari già presenti".

Il Progetto prevede un'unica sede di riferimento per le persone con disturbi dello spettro autistico di età adulta, e la collocazione di attività riabilitative dedicate rivolte all’età evolutiva, dove le persone e i loro famigliari possano trovare tutti i sostegni necessari per essere accompagnati nel percorso di realizzazione delle loro potenzialità, dando al progetto una continuità nell’arco della vita.

La sede di riferimento sarà il Padiglione Ralli, edificio comunale in via de Ralli 1 nel comprensorio del Parco di San Giovanni, completamente ristrutturato grazie a un contributo regionale, per essere destinato a Centro diurno per persone affette da malattie dementigene.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nello stesso Palazzo verrà ospitato un “tavolo tecnico” per valutare e verificare la fattibilità di progettualità e attività, a seguito del progetto innovativo di ricerca applicata che il Comune di Trieste ha presentato alla Regione, consistente nell'attivazione di un servizio sociosanitario sperimentale per fronteggiare i bisogni delle persone colpite da malattie dementigene, in collaborazione con l'Università di Trieste, la Sissa, l'ASUGI e le realtà del terzo settore specializzate in materia.

All'interno del Centro opera un’unità funzionale multidisciplinare che ha il compito di garantire la presa in carico socio-sanitaria della persona con autismo e che si raccorda con gli Enti Gestori Privati, i Servizi dedicati alla disabilità e all’inserimento lavorativo dei Comuni, anche nella loro dimensione consorziale e con i Servizi Distrettuali, in particolare integrandosi e rinforzando le attività dell’equipe multidisciplinare, per seguire i bisogni di questi utenti e delle loro famiglie.

L'ASUGI metterà a adisposizione le strumentazioni necessarie a svolgere le attività diagnostiche e riabilitative, con arredamenti adeguati e specifici.

Le equipe multidisciplinari saranno composte da professionisti di ASUGI, tra cui psicologi, medici psichiatri, logopedisti, infermieri, e del Comune, come assistenti sociali, educatori e operatori del SIIL (Servizio Integrazione Inserimento Lavorativo), che parteciperanno attivamente nei processi di valutazione multiprofessionale e multidimensionale svolti sia in attività di equipe multidisciplinare, che in attività di tipo diagnostico, abilitativo e riabilitativo e relativa strutturazione di percorsi di presa in carico integrata.

Commenti (0)
Comment