Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Assieme ai colleghi di Ruda

Attualità
26 luglio 2020

Campolongo Tapogliano, vasta esercitazione della Protezione Civile

di Livio Nonis
Volontari impegnati nell'utilizzo di attrezzature di motopompe in sicurezza, simulando interventi in caso di allagamento
CONDIVIDI
35254
Attualità
26 luglio 2020 di Livio Nonis Image

I volontari della Protezione civile di Campolongo Tapogliano, assieme ai colleghi di Ruda, sono stati protagonisti di un’esercitazione allo scopo di utilizzare le attrezzature di motopompe in sicurezza.

Prima di iniziare la parte pratica c'è stata la presentazione da parte del Coordinatore dell'evento, Andrea Decorte, che ha illustrato ai presenti cosa poi sarebbero andati a fare, con un breve ripasso sui D.P.I. (Dispositivi di Protezione Individuale). Successivamente i volontari sono stati divisi in due gruppi di lavoro caricando su due mezzi le attrezzature che poi sarebbero serviti per l'esercitazione.

Giunti presso il Mulin Novacco nell'Azienda Agricola Sociale, hanno trovato due vasche, un tempo adibite all'allevamento di pesce, che sarebbero servite per l'esercitazione. Quindi i volontari hanno iniziato ad allestire i cantieri di lavoro assistiti dai due tutor (molto importante questa figura per la preparazione degli uomini), sono state impiegate due motopompe, una Honda WT40 da 1640l/min e una motopompa Varisco ETP 2500 da 2500l/min, e una elettropompa sommersa Feka VS 1000 da 1000l/min alimentata da un gruppo elettrogeno (generatore) Honda EU 30IS che eroga 2.8 kw.

Poi hanno fatto partire le pompe e “travasato” l'acqua da una vasca all'altra, coordinandosi in modo da non ostacolarsi e lavorare secondo la prassi consolidata di questi interventi.

È fondamentale tenersi in “allenamento” per questi interventi, nell’eventualità che si verifichino allagamenti specialmente nei periodi autunnali o primaverili, è giusto che la popolazione si senta protetta da persone che sanno “intervenire”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Naturalmente il tutto è stato svolto secondo le norme vigenti anche per il COVID-19, i due gruppi da sei volontari più il tutor avevano l'obbligo di indossare mascherine quando lavoravano a meno di un metro di distanza, con DPI adeguati alle mansioni operative svolte.

Alla fine come da prassi un saluto finale con il ringraziamento da parte del coordinatore di Campolongo Tapogliano Andrea Decorte a tutti i volontari che hanno partecipato, al gruppo di Ruda e al proprietario dell'azienda che ha dato la disponibilità per lo svolgimento di questa esercitazione.

Commenti (0)
Comment