Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

L'annuncio del vicegovernatore Riccardi

Attualità
24 giugno 2020

Case riposo e centri disabili: 25 milioni per 45 strutture in FVG

a cura della redazione
Coperte tutte le spese ritenute ammissibili a seguito dell'istruttoria amministrativa e tecnica
CONDIVIDI
34619
Riccardo Riccardi (ph. ARC Montenero - Regione FVG)
Attualità
24 giugno 2020 della redazione

Il vicegovernatore con delega alla Salute e alla Disabilità Riccardo Riccardi ha annunciato nell'Aula del Consiglio regionale l'approvazione della graduatoria del Bando per la presentazione delle domande di contributo regionale per interventi edili impiantistici per strutture destinate a servizi residenziali per anziani non autosufficienti e servizi per disabili - Bando Eisa 2019.

Sono messi a disposizione 25,4 milioni, di cui 3,7 destinati a 11 strutture per la disabilità.

"È un impegno finanziario importante con cui la Regione dà certezze a un arcipelago di soggetti pubblici e onlus - così Riccardi -, coprendo tutte le spese ritenute ammissibili a seguito dell'istruttoria amministrativa e tecnica".

I 21,7 milioni esaudiscono le richieste di 34 strutture per anziani non autosufficienti.

Per la disabilità i 3,7 milioni sono ripartiti tra la Fonte Comunità Famiglia Onlus, la Comunità Rinascita - società cooperativa Reale, l'Anffas di Pordenone, l'Associazione Insieme si può onlus, la Comunità Piergiorgio, la Comunità collinare del Friuli e i Comuni di Tolmezzo, Spilimbergo, Porcia, Ragogna e Gemona.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli interventi che saranno finanziati riguardano l'adeguamento o il miglioramento sismico, l'adeguamento alle norme di sicurezza antincendio, alle norme antinfortunistiche e alle norme per il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche. A questi si aggiungono gli interventi per la riclassificazione delle strutture ai sensi del regolamento di cui all'articolo 31 della legge regionale 6 del 31 marzo 2006, in immobili dedicati alle attività assistenziali di proprietà dei Comuni, delle aziende per l'assistenza sanitaria, delle aziende di servizi alla persona e dei soggetti di cui all'articolo 14, commi 2 e 3, sempre della legge regionale 6 del 31 marzo 2006 a esclusione dei soggetti privati aventi scopo di lucro.

Commenti (0)
Comment