Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Il sindaco Lenarduzzi: "Siamo una comunità solidale"

Attualità
21 aprile 2020

Ruda, già erogati 5 mila euro con i buoni spesa

di Livio Nonis
Attivata una raccolta fondi per donazioni con cui fornire ulteriori aiuti alle persone in difficoltà
CONDIVIDI
33670
Ruda (ph. L. Nonis)
Attualità
21 aprile 2020 di Livio Nonis Image

Il Comune di Ruda ha deciso di istituire una raccolta fondi, dedicata a cittadini e associazioni, con la quale trovare risorse per venire in aiuto a famiglie in difficoltà economica. I soldi raccolti si uniranno a quelli già messi a disposizione dal Governo per l’acquisto di generi alimentari e beni di prima necessità e ai fondi comunali.

Sarà possibile donare attraverso un bonifico diretto a “Comune di Ruda – Covid19” c/o CREDITFRIULI Credito Cooperativo Friuli – Filiale di Ruda, IBAN: IT55 H070 8564 4800 0221 0045 741 Codice BIC: ICARITRRU59.

“Chi lo desidera, può partecipare, anche con piccole somme di denaro. Insieme ce la faremo. Siamo stati contattati da molte persone e associazioni che, nello spirito che contraddistingue sempre la nostra comunità, unita e solidale, hanno chiesto informazioni per effettuare donazioni da destinare al sostegno e all’aiuto in questo tempo di emergenza sanitaria ma anche sociale ed economica. È nostro dovere aiutare chi non ce la fa, chi ha bisogno, di non ha di che mangiare o venire incontro alle spese necessarie”, commenta il sindaco di Ruda Franco Lenarduzzi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I soldi raccolti saranno messi a disposizione dei meno abbienti per l’acquisto di generi alimentari o beni di prima necessità (sanitari e igienici), ma anche per aiutare a saldare altre piccole spese inderogabili.

“A ora a Ruda abbiamo distribuito già 5.000 euro dei Buoni Spesa dati ai Comuni dal Governo. Un aiuto concreto che fa la differenza per molte persone e molte famiglie. Questa è la via da seguire. In attesa di altre misure statali e regionali per riattivare l’economia e il lavoro, dobbiamo garantire la sopravvivenza a coloro che, per colpa di questa crisi sanitaria, si ritrovano in difficoltà”, conclude il primo cittadino.

Commenti (0)
Comment