Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Ultimo fine settimana dell'iniziativa

Cultura e Spettacolo
24 marzo 2020

Le Favole al telefono chiudono in crescendo

di redazione (fonte Damatrà)
Giunte finora centinaia di richieste da tutta Italia e perfino dall'estero. "Moltissime le telefonate giunte dalla Lombardia"
CONDIVIDI
33349
Cultura e Spettacolo
24 marzo 2020 di redazione (fonte Damatrà)

L’avventura delle Favole al Telefono, coordinata da Damatrà all’interno di LeggiAMO 0-18,  progetto di promozione della lettura del Friuli Venezia Giulia, si avvia al termine: il prossimo sarà infatti l’ultimo fine settimana di attività.

Sono state circa 500 in ogni fine settimana le famiglie che hanno usufruito del servizio proposto e che hanno chiamato da tutta Italia e dall’estero.

Da Roma ad Aquileia, da Torino a Siracusa, da Reggio Emilia a Milano: proprio le numerose richieste dalla Lombardia, zona particolarmente colpita dall’emergenza del Coronavirus, hanno stupito i lettori. Molte zie e zii e nonne e nonni hanno pensato anche ai loro nipoti che risiedono all’estero, così qualche favola ha viaggiato fino a Zurigo, a Monaco, a Madrid.

I lettori (che sono andati crescendo nel corso delle attività) sono arrivati a oltre settanta e con loro si sono messe in gioco numerose realtà del territorio. A collaborare con le Favole al Telefono sono stati i bibliotecari e i lettori volontari dei Comuni di Ampezzo, Artegna, Campoformido, Carlino, Casarsa della Delizia, Cervignano del Friuli (Club Ti Leggo Una Storia), Codroipo, Cormons, Fagagna, Gemona del Friuli (Amici della biblioteca di Gemona), Grado, Latisana, Moggio Udinese, Monfalcone (Lettori in cantiere), Pasian di Prato, Pieris-San Canzian d’Isonzo, Ragogna, Remanzacco, Roveredo in Piano, San Daniele del Friuli (gruppo lettori volontari della pediatria), San Giorgio di Nogaro, San Vito al Tagliamento, Sedegliano, Spilimbergo, Staranzano, Terzo di Aquileia, Tolmezzo, Trasaghis, Trieste, Udine, Associazione Les Vilanes di Fagagna, Mediateca La Cappella Underground di Trieste, Associazione Leggere per Vivere di Trieste, volontari Nati per Leggere FVG, Libreria W. Meister & co di San Daniele del Friuli.

A salutare questo periodo di intensa attività sono le volontarie e i volontari, che così raccontano la loro esperienza: "È stato bellissimo, emozionante, arricchente, gratificante. Spero di essere riuscito almeno in parte a regalare ai bimbi che mi hanno ascoltato quello che loro hanno regalato a me. […] Alcuni bimbi sono stati splendidi come loro sanno essere, discutendo con me sul senso delle storie e sugli agganci con l'attualità", confida Marco di Gemona del Friuli. E Guia di Cervignano del Friuli spiega: "Entrare nelle case con le storie attraverso il telefono ora (rispetto ad anni fa) è ancora un'emozione enorme, e oggi ancora più grande…”. “Un modo particolare per chiudere le chiamate è piaciuto molto: abbiamo collegato una telefonata all'altra e portando i saluti e i baci di un bambino al successivo e viceversa: è stato un bel un modo per sentirsi tutti uniti, da Nord a Sud” racconta infine Antonella Farina di Trieste.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LeggiAMO 0-18, il progetto regionale di promozione della lettura, della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, ha come partner il Consorzio culturale del Monfalconese, il Centro per la Salute del Bambino Onlus, Damatrà Onlus, l’AIB Associazione Italiana Biblioteche - Sezione FVG e l'Associazione Culturale Pediatri.

Commenti (0)
Comment