Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Primo incontro pubblico per "Mar e Tiaris"

Turismo
31 gennaio 2020

Sviluppo rurale, parte da Grado il nuovo progetto FVG

di redazione (fonte Comune di Grado)
Nove Comuni e 54.000 abitanti coinvolti: insieme per un nuovo modello di sviluppo sostenibile
CONDIVIDI
32557
Tutti i partner coinvolti
Turismo
31 gennaio 2020 di redazione (fonte Comune di Grado)

Presentata a Grado la strategia “Mar e Tiaris”, il progetto classificatosi al primo posto tra le strategie di cooperazione per lo sviluppo territoriale del Programma di Sviluppo Rurale del Friuli Venezia Giulia.

Il Comune di Grado si è fatto promotore di un partenariato pubblico-privato con i Comuni di Aquileia, Cervignano del Friuli, Fiumicello-Villa Vicentina, Ruda, San Canzian d’Isonzo, Staranzano, Terzo di Aquileia e Turriaco. Un progetto che racchiude un territorio che parte dal mare (Mar in gradese) e guarda alle terre circostanti (Tiaris in friulano), e che grazie a questa strategia parla una stessa lingua.

La strategia ‘Mar e Tiaris’ha dichiarato il sindaco di Grado, Dario Raugna – è il frutto di un grande lavoro che Grado ha portato avanti come comune leader assieme a 9 amministrazioni e 77 partners. Il segreto di questo successo sta nella coesione territoriale, ovvero la capacità di fare sistema con chi ci sta vicino, ma significa anche produzione e redistribuzione della ricchezza per dare la possibilità alla nostra gente di puntare al progresso affermandosi su questo territorio. Grado diventerà il motore di una dinamica che coinvolgerà tutti, per far fronte alle sfide del futuro in tenuta socio-economica in tema di ciclabilità, tecnologia, economia circolare e Km0. Ciò è stato possibile mettendo a sistema diverse eccellenze che già oggi compongono il nostro tessuto sociale, economico-produttivo, della ricerca e del mondo della Pubblica Amministrazione in tutte le sue declinazioni, con tutto ciò che abbiamo, ossia le riserve naturali, il nostro patrimonio storico-artistico ed agricolo che è di indiscutibile valore, le vie lente e tutto quello che oggi i turisti chiedono per fruire in modo esperienziale di un territorio”.

La Misura 16.7 del PSR Programma di Sviluppo Rurale prevedeva la creazione di una sola strategia per ogni ambito territoriale, la cui area sia composta da almeno 5 Comuni e una popolazione complessiva di 20.000 abitanti e siano incentivati i mercati locali, quali filiere contraddistinte da pochi passaggi, che privilegino il contatto diretto fra il produttore e il consumatore, in un ambito territoriale ben delineato, nel quale la vendita al consumatore finale avviene ad una distanza non superiore a 30 Km dal luogo di produzione.

Il territorio della strategia “Mar e Tiaris” è costituito da 9 Comuni che, complessivamente, interessano una superficie di 313 km2 (compresi i 90 km2 di laguna) con una popolazione di circa 54 mila abitanti.

Oltre un terzo è rappresentato dal territorio del Comune di Grado e dalla sua area lagunare. Seguono Aquileia e San Canzian d’Isonzo che assieme a Grado rappresentano oltre la metà dell’intero ambito e, infine, Staranzano e Turriaco, i comuni dimensionamenti più piccoli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La strategia Mar e Tiaris vuole valorizzare le due maggiori tipicità del territorio: la ruralità, con la sua tradizione e professionalità agricola, e l’offerta turistica, culturale, storica, naturalistica ed enogastronomica. I Comuni del partenariato intendono migliorare e ampliare l’offerta con un progetto che mira a mettere in rete l’intero territorio e a sensibilizzare cittadini e turisti allo sviluppo sostenibile, proponendo buone pratiche (riduzione spreco, percorsi salute, cibo sano) verso un migliore stile di vita.

Commenti (0)
Comment