Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Nel campionato di Promozione

Sport
17 dicembre 2019

Orgoglio Staranzano, trionfo nel derby

di Livio Nonis
La Pallacanestro Bisiaca piega Pieris di un punto dopo tre tempi supplementari e una maratona di oltre due ore
CONDIVIDI
32024
Pallacanestro Bisiaca - Progetto Sicurezza 68-67
Sport
17 dicembre 2019 di Livio Nonis Image

PALLACANESTRO BISIACA - 68

PALLACANESTRO ISONTINA PERCORSO SICUREZZA - 67

Parziali: 11-7, 17-25, 35-42, 49-49, 56-56, 62-62.

PALLACANESTRO BISIACA: Pizzignach, Gasparotto ne, Sgubin 12, Nogherotto 9, Rusin 8, Bisiach 4, Noioso 2, Dell'Oglio 16, Decolli 12, Nicasio 8. All. Gasparotto.

PERCORSO SICUREZZA: Dreas 7, Vecchiet 12, Pesci 18, Carotenuto 1, Crocamo 13, Bean, Boscarol 3, Fulizio ne, Minocci ne, Deiuri 8, Maddalena 3, Pasquaini 2. All. Inglese.

ARBITRO: Rossi di Fogliano Redipuglia

Usciti per falli: Dell'Oglio, Decolli, Pasqualini.

Tiri Liberi: Pall. Bisiaca 9/25, Percorso Sicurezza  16/26

Tiri da Tre: Pall. Bisiaca 2/11, Percorso Sicurezza 6/19

 

Gara sconsigliata ai deboli di cuore. Ci sono voluti tre tempi supplementari, 55 minuti di follia agonistica, per decretare il vincitore del derby della Bisiacaria nel campionato di Promozione, tra i patroni di casa della Pallacanestro Bisiaca Staranzano e Percorso Sicurezza Pieris.

La squadra di casa quando vede “Amaranto Pieris” si trasforma, diventa una furia, non trova ostacoli, quelli che invece ha trovato la compagine allenata da Inglese che sembrava dovesse andare sul velluto, da come si era messa la gara. La bellezza del basket e non solo, fin quando la sirena non suona la fine della gara, è che non c'è nulla di scontato, anzi l'imprevedibilità e il momento più o meno fortunato stanno dietro l'angolo.

Staranzano parte a razzo: a 3' e 03” dal salto a due è avanti 9 a 0, Pieris non è in campo, i giocatori sono deconcentrati, buttano via palloni con tiri forzatissimi. Andrea Inglese chiede time out per resettare la squadra; la difesa comincia a girare (per 6' i padroni di casa non segnano) ma l'attacco è ancora abulico, solo 7 punti nel primo periodo. Crocamo e Deiuri suonano la carica e Progetto Sicurezza vola, e vola alto, una progressione da paura: il divario fra le due squadre lievita a tal punto che sembra una partita già ai titoli di coda al 4' del terzo periodo, quando il tabellone recita 33 a 18: +15 per gli ospiti.

Ma non si tiene conto dell'orgoglio bisiaco, Sgubin e Rusin prendono per mano la squadra e riescono a buttare dentro canestri importanti che alla fine del tempo il ritardo è dimezzato: si è sul +7 per gli ospiti.

L'inerzia continua, il canestro comincia diventare un'utopia, si segna con il contagocce: fino al 9' Progetto Sicurezza segna solo tre tiri liberi, si arriva a 8” dalla sirena e Dell'Olio sbaglia due personali sul 49 pari, e nell'ultimo tiro Pesci prende il ferro.

Si va all'overtime, Palacanestro Bisiaca avanti al 4' per 56 a 52 ma sono Pesci e Vecchiet a ristabilire la parità, con Crocamo a prendere il ferro sull'ultimo disperato tiro: 56 pari.

Secondo overtime sempre avanti Pquadra Bisiaca, Nogherotto il più preciso (tutti suoi i punti in questo periodo), ma Pesci, a 4” dalla sirena, realizza e con un tiro libero supplementare potrebbe chiudere la partita: invece sbaglia e si va al terzo overtime.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Difese incredibili nonostante la stanchezza che appare sul volto degli atleti, ma l'adrenalina fa il suo dovere, dà la carica, nessuno molla; questa volta è Pieris a essere in vantaggio e sul +2 può allungare, ma la stanchezza, la poca lucidità, lasciano in partita la pallacanestro Bisiaca che a 8” dal termine con Nicassio realizza due tiri liberi per il sorpasso. Inconcludente l'ultima azione per gli ospiti:  dopo 2 h e 5' si conclude questa maratona del basket.

Complimenti alla Pallacanestro Bisiaca che non ha mai mollato anche e soprattutto quando, sotto di 15, ha reagito con grande personalità. Unica nota stonata: un arbitro solo a dirigere questo delicato incontro, altri commenti sono superflui.

Commenti (0)
Comment