Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Girato dal videomaker Paolo Comuzzi

Cultura e Spettacolo
25 ottobre 2019

Dal Friuli un "Funeral Party"

di Moni Zinu
Nuovo videoclip della rock band Franz Merkalli & Tellurika: una visione surreale sull'aldilà
CONDIVIDI
31503
Cultura e Spettacolo
25 ottobre 2019 di Moni Zinu

È uscito il nuovo videoclip del brano Funeral party della rock band Franz Merkalli & Tellurika, girato dal video maker Paolo Comuzzi.

Il brano, scritto dai Franz Merkalli & Tellurika e Lino Mongul, è il secondo singolo estratto dall’ultimo album Scaricalapp, mixato e masterizzato da Nico Odorico agli Angel’s Wings Recording Studio di Pantianicco Udine e già online su tutti i digital store. 

In Funeral Party i Franz Merkalli & Tellurika trattano il tema dell’aldilà alla loro maniera, in chiave surreale, giocando sul doppio senso italo/inglese “parti/party”. Una partenza dalla vita terrena per trovare, dopo il trapasso, un immaginario mondo di festa, accompagnati dalla morte in persona che gioca con loro e si gioca di loro. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Nel video – spiega Franz Merkalli – ci sono richiami illustri che si susseguono, quasi a rappresentare 60 anni di storia del cinema e TV. Primo fra tutti Il settimo sigillo, noto film svedese del 1957 di Ingmar Bergman (lo ritroviamo nella scena iniziale e finale del video), seguito dalla sfida di Altrimenti ci arrabbiamo, la commedia del 1974 con Bud Spencer e Terence Hill. Molti inoltre noteranno l’aspetto della morte più simile all’imperatore di Star Wars che al personaggio di Bergman e chi ha figli piccoli, una battuta rubata al cartone animato Masha e Orso: il cavallo fa cloppete clop. Infine, con un po' di attenzione, ci si accorgerà nella primissima scena di due riferimenti, uno visivo e l’altro in sottofondo audio, a un precedente videoclip dei Tellurika, divenuto un vero tormentone”.

Commenti (0)
Comment