Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Oltre 200 persone impegnate nel progetto di internazionalizzazione

Cultura e Spettacolo
21 ottobre 2019

Da Trieste alla conquista del Giappone

di redazione (fonte Teatro Verdi TS)
Orchestra e Coro del Verdi protagonisti della più importante tournée per una Fondazione lirica italiana: in 13 città nipponiche per 14 rappresentazioni
CONDIVIDI
31436
La partenza da Trieste verso l'aeroporto
Cultura e Spettacolo
21 ottobre 2019 di redazione (fonte Teatro Verdi TS)

La Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste sarà impegnata in una tournée di quattro settimane in Giappone con un nuovo allestimento de La traviata di Giuseppe Verdi, che vedrà l’Orchestra e il Coro (diretti dal Maestro Fabrizio Maria Carminati) e i tecnici impegnati in tredici fra le principali città nipponiche.

Fra il 22 ottobre e il 10 novembre, la tournée toccherà Nagoya, Mito, Yokosuka, Musashino, Morioka, Matsudo, Tokyo, Takasaki, Nerima, Niigata, Toyama, Osaka, Tsu.

A Tokyo la Fondazione sarà accolta per due rappresentazioni nel "Bunka Kaikan", il più importante e famoso teatro della città, la cui sala principale conta circa 2.300 posti. La prima rappresentazione de La traviata, venerdì 25 ottobre a Nagoya, inaugurerà ufficialmente la Stagione Lirica e di Balletto della Fondazione, mentre a Trieste il palcoscenico del Verdi si aprirà con una doppia inaugurazione il 29 novembre con la Turandot e il 1 dicembre con l’Aida, regia di Katia Ricciarelli.

“Questo progetto – afferma il direttore generale della Fondazione, Antonio Tasca –consolida definitivamente nel panorama mondiale il Teatro Verdi di Trieste quale realtà tra le principali a proiezione internazionale della cultura italiana. Si tratta di un impegno tra i più prestigiosi e importanti che una Fondazione italiana abbia mai affrontato, molto complesso da strutturare anche dal punto di vista organizzativo”. 113 tra professori d’orchestra, artisti del coro e tecnici della Fondazione, 25 solisti e il Direttore d’orchestra sono partiti oggi alla volta del Giappone, dove altre 50 persone saranno coinvolte nel montaggio, smontaggio e rimontaggio delle scene che, insieme a 150 costumi, viaggeranno in due container. 13 le città, distanti da 30 a 350 chilometri l’una dall’altra, da raggiungere via pullman o treno veloce per soddisfare un pubblico di circa 30.000 spettatori. Il tutto coordinato dal direttore generale Tasca con la collaborazione di Daniela Astolfi, Stefano Hauser e Cristian Venturini dello staff di Direzione. La Tournée è stata preceduta da due anni di lavoro e da diversi sopralluoghi nei teatri per verificarne anche la complessità tecnica, risolta con una scenografia modulabile, adattabile a una bocca scenica variabile da 12 a 30 metri”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Oltre alle rappresentazioni de La traviata e a un concerto conclusivo con la pianista giapponese Ingrid Fuzjko Hemming, la tournée rappresenta l'occasione per avviare relazioni virtuose con realtà istituzionali giapponesi, anche in partnership con PromoTurismoFVG: per la prima volta materiale promozionale dedicato (brochure e video) è stato tradotto in giapponese e per la prima volta PromoTurismoFVG sarà presente sul mercato giapponese in forma turisticamente strutturata e market oriented, partecipando alla più importante fiera turistica a Osaka (Tourism Expo Japan, dal 24 al 27 ottobre) e a due workshop B2B a Osaka e Tokyo in cui domanda e offerta potranno confrontarsi direttamente.

L’obiettivo di questa operazione è far conoscere la destinazione, favorire export di prodotti (enogastronomici in particolare) e raddoppiare il numero di turisti giapponesi in Friuli Venezia Giulia, che attualmente valgono  10.000 presenze (in Italia il turismo dal Giappone conta 2 milioni di presenze).

Commenti (0)
Comment