Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Come simbolo la stella della città

Attualità
01 agosto 2019

Palmanova, inaugurata la nuova rotatoria

di redazione (fonte Comune di Palmanova)
Costruita fuori Porta Aquileia collega quattro assi viari. Realizzato un nuovo parcheggio per le corriere. Rinnovati pista ciclabile e marciapiedi
CONDIVIDI
30575
Attualità
01 agosto 2019 di redazione (fonte Comune di Palmanova)

Con il taglio del nastro è ufficialmente inaugurata la Rotatoria fuori Porta Aquileia a Palmanova, all’intersezione tra la strada regionale 252 di Palmanova e la strada regionale 352 di Grado. Un’opera che ha visto la collaborazione di Comune di Palmanova, Regione FVG e Strade FVG. I lavori, per un totale di 1.650.000 euro (tra progettazione e lavori), sono stati affidati alla ditta Costruzioni Rusalen S.r.l. di Meduna di Livenza (TV) e alla ADRIASTRADE S.r.l. di Monfalcone.

Il progetto è costituito da una rotatoria realizzata a raso e da un nuovo percorso pedonale della lunghezza di circa mezzo chilometro in direzione di Cervignano. La realizzazione si arricchisce e completa con un parcheggio per bus turistici a lato della rotatoria e da un percorso ciclopedonale.
All’inaugurazione erano presenti il sindaco di Palmanova assieme all’assessore regionale alle infrastrutture e territorio Graziano Pizzimenti e al Presidente di FVG Strade Raffaele Fantelli, oltre ai rappresentanti delle due ditte costruttrici.

Per aumentare l’efficienza e la sicurezza dell’intersezione, anche in previsione di un incremento dei volumi di traffico, è stata realizzata una rotatoria a quattro rami in luogo dell’incrocio a “X” tra la S.R.252 e la S.R.352. La piattaforma pavimentata della rotatoria ha una larghezza di 11 metri, il diametro esterno è pari a 50 metri e il diametro interno dell’isola centrale è pari a 30 metri. 

Per garantire i più alti standard di sicurezza in materia di circolazione stradale, si è deciso di collocare la rotatoria in una posizione baricentrica rispetto alle vie afferenti e quindi più centrale rispetto al vecchio incrocio. Tale scelta tecnica ha consentito una miglior geometrizzazione dei rami afferenti all’incrocio. Si è inoltre deciso di spostare verso nord l’esistente via Matteotti, in modo simmetrico alla S.R.252, così da richiamare la forma della stella che caratterizza la città di Palmanova. Tale scelta tecnica ha inoltre consentito l’allontanamento di via Matteotti dalle abitazioni prospicenti il vecchio sedime stradale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’intervento proposto ha anche interessato un attraversamento della via Matteotti con la ciclovia Alpe Adria (FVG 5). Detta interferenza è stata risolta adottando il sistema così detto “safety cross”: il sistema si attiva con un sensore che rileva la presenza del ciclista/pedone che accende una lanterna luminosa a LED che rivolge la sua luce ai due flussi veicolari della strada.

Con la realizzazione del nuovo ramo est della rotatoria si sono create delle aree libere sfruttate per realizzare un parcheggio per bus turistici da cui si può raggiungere a piedi in sicurezza il centro di Palmanova tramite un percorso ciclopedonale esistente. Le aree circostanti del parcheggio sono state dotate di elementi per l’arredo urbano quali panchine, cestini e una staccionata in legno che separa l’area del parcheggio dalla viabilità ordinaria. È stato inoltre installato un pannello informativo che contiene alcune informazioni turistiche su Palmanova e la sua storia, la pianta della città di Palmanova che pone in risalto la posizione dell’utente evidenziando il percorso pedonale da seguire per raggiungere la città.

L’arredo dell’isola centrale della rotatoria è stato realizzato con la rappresentazione dell’ennagono stellato e della sua struttura urbana che rimanda esplicitamente alla forma urbis unica di Palmanova. La conformazione planimetrica “a stella” delle mura della fortificazione che perimetrano il centro abitato, viene ridisegnata all’interno dell’isola, attraverso un’alternanza studiata di superfici che richiamano le superfici delle mura di cinta, la rete stradale interna radiale che converge sulla piazza centrale e i quartieri abitati.

Commenti (0)
Comment