Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Presentata la ventesima edizione del festival

Cultura e Spettacolo
21 giugno 2019

Il folklore del mondo torna in FVG

di redazione (fonte A.F.G.R. FVG)
Da giovedì 4 a martedì 9 luglio spettacoli a Udine, Pordenone, Cormòns, Capriva, Arta Terme e Roveredo
CONDIVIDI
30130
Cultura e Spettacolo
21 giugno 2019 di redazione (fonte A.F.G.R. FVG)

Giunge alla ventesima edizione il Festival Mondiale del Folclore Giovanile, presentato quest’oggi a Udine. Da giovedì 4 a martedì 9 luglio la ribalta del folclore giovanile internazionale animerà di nuovo sei località regionali, da Capriva del Friuli a Roveredo in Piano, da Udine a Pordenone, fino ad Arta Terme e Cormòns.

L'evento è promosso e curato dall'Associazione folcloristica giovanile regionale, presieduta da Alessio Moretto, in collaborazione con l'Unione Gruppi Folcloristici del Friuli Venezia Giulia, la Regione e i Comuni coinvolti, nonché con la partecipazione della Fondazione Friuli e il sostegno di diverse realtà territoriali. Protagonisti dell'edizione del ventennale saranno quattro gruppi esteri, da Russia, Grecia, Taiwan e Bulgaria, che saranno affiancati sul palco da varie realtà locali. Saranno 240 i ragazzi coinvolti.

Il debutto della rassegna è in calendario giovedì 4 luglio a Capriva del Friuli, e in parallelo a Roveredo in Piano: nella prima località si esibiranno, alle 20.45 (orario comune a tutti gli spettacoli), i gruppi della Russia, della Grecia e la Caprivese Primavera; location della performance sarà il Parco del Centro Civico, salvo maltempo: nel caso si ripiegherà sulla palestra comunale. A Roveredo in Piano, invece, calcheranno le scene (in Largo Indri o, dovesse piovere, al palazzetto dello sport) le formazioni di Taiwan e Bulgaria e il gruppo A.F.G.R. Artugna di Budoia e Roveredo in Piano.

Venerdì 5 luglio performance a gruppi riuniti nella cornice del piazzale del Castello di Udine (o, nell'eventualità di brutto tempo, al Palamostre), dove il festival vivrà l'apertura ufficiale; si uniranno ai protagonisti della rassegna i gruppi di Resia e Passons.

Sabato 6 luglio il festival toccherà, con analogo programma, la città di Pordenone, dove si esibirà anche il gruppo Federico Angelica  Danzerini di Aviano; lo spettacolo si terrà in Piazza XX Settembre (in caso di pioggia al Teatro Concordia). Domenica 7 tappa ad Arta Terme, in piazza Roma, con il gruppo JS Guldana Pearl di Timau e gli altri gruppi riuniti, mentre quella di lunedì sarà una giornata di pausa, che consentirà agli ospiti di visitare il territorio regionale. Il sipario sull'edizione 2019 del Festival Mondiale del Folclore Giovanile calerà, con il grande concerto conclusivo, a Cormòns martedì 9 luglio: in piazza XXIV Maggio (o al teatro comunale) le formazioni ospiti si alterneranno sul palco, affiancate dai gruppi Lucinico e Balarins di Buje. Ingresso libero a tutti gli spettacoli.

«Alcuni dati identificativi del nostro festival – dichiara  il presidente dell'A.F.G.R. FVG, Alessio Moretto –: 20 edizioni, oltre 110 gruppi ospiti, da ogni parte del mondo, quasi 4 mila bambini e ragazzi coinvolti in un evento che ha reso la nostra regione un punto d'incontro per culture geograficamente anche lontanissime e profondamente diverse. In un mondo che muta e si trasforma repentinamente, in cui il dialogo è venuto meno perché surclassato dalla comunicazione digitale, stupisce notare come questa manifestazione riesca ad attirare danzerini così giovani, da varie nazioni, e un folto pubblico. Sono molto orgoglioso di questo, che dimostra come il folclore, oggi più che mai, resti un tassello certamente minuscolo, eppure fondamentale, per completare quel bagaglio di conoscenza che consiste nelle diversità e specificità dei popoli. La realizzazione del festival è possibile soprattutto grazie all’impegno disinteressato e alla professionalità di tanti volontari e al sostegno di istituzioni pubbliche e private».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A quest'ultimo proposito va ricordato che i volontari dei gruppi regionali si mettono a disposizione degli ospiti per accompagnarli a visitare le bellezze del Friuli Venezia Giulia: il Festival Mondiale del Folclore Giovanile, così, si trasforma anche in una chance di promozione del territorio regionale e delle sue ricchezze.

I GRUPPI OSPITI

Russia - Il gruppo Radost ("Gioia"), da Murmansk, è stato fondato nel 1978: comprende oltre 300 unità, fra bambini e ragazzi dai 4 ai 20 anni, e vanta un repertorio vario e insolito. Propone prevalentemente danze delle regioni al nord della Russia, ma non solo. La formazione ha conseguito numerose vittorie in prestigiosi concorsi e festival internazionali e ha incantato il pubblico di vari Paesi, dalla Finlandia alla Svezia, dagli Stati Uniti a Serbia, Bulgaria, Norvegia, Italia, Francia, Repubblica Ceca, Belgio e Paesi Bassi. "Radost", diretto da Larisa Feoksistova, si è esibito perfino al Polo Nord.

Bulgaria - L'Ensemble di danza popolare "Zdravets", da Sofia, è stato fondato nel 1984 e porta il nome di un geranio selvatico di montagna, le cui foglie rimangono fresche e verdi per tutto l'inverno. Estremamente variegato il repertorio, che include canti e danze da tutte le regioni di un Paese ricchissimo di folclore. E' diviso in quattro sezioni, articolate per  fasce d'età.

Grecia - Il gruppo Horeftikos Omilos Polygyrou ha sede nella località di Polygyros. Annovera oltre 370 membri, ripartiti in 11 sezioni di apprendimento di danze tradizionali di tutta la Grecia, isole incluse. Vi è pure una classe riservata alle danze più moderne, quali Syrtaki, Hasapiko, Zeimpekiko. Il team ha partecipato a varie manifestazioni e programmi televisivi, sia in patria che all’estero.

Taiwan - Da Taiwan arrivano due gruppi, che si esibiranno in versione unificata: si tratta dei ballerini di due scuole di danza, “Taiwan DO-DO Dance Group” e “ Taiwan VIA INSTITUTE Dance Group”, per un totale di una trentina di elementi. Fondati nel 1989 a Do-Liu, tali istituti si distinguono per aver creato coreografie che evocano tradizioni arcaiche, capaci di far riecheggiare una cultura millenaria e di renderla, attraverso la danza, linguaggio universale. 

Commenti (0)
Comment