Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

In distribuzione dal 3 maggio

Società
29 aprile 2019

Nasce la birra “triestina patoca”

di redazione (fonte Cittavecchia)
Il birrificio artigianale Cittavecchia di Trieste lancia la prima birra artigianale ufficiale della città
CONDIVIDI
29430
Il team del birrificio
Società
29 aprile 2019 di redazione (fonte Cittavecchia)

Il Birrificio Cittavecchia, “veterano” del movimento birrario artigianale a Trieste – ha infatti aperto nel 1999 – festeggia il ventennale lanciando Àila: la prima birra artigianale dedicata alla città di Trieste, e la prima a essere proposta in formato 25 cl – una novità assoluta su questo segmento del mercato in Italia.

Àila è un tipico modo di dire locale che significa “eccola”, “guardala”; mentre in dialetto triestino si definisce patoca una cosa autentica, originale, del luogo. Àila è quindi la birra triestina patoca”, «la massima espressione del gusto che piace alla gente di Trieste; che, ricordiamolo, ha una grande passione per la birra, facendo registrare consumi al di sopra della media nazionale. Per questo abbiamo voluto rispolverare il concetto di birra di città, che sposi la tradizione e la passione locale per l’arte brassicola: l’omaggio a chi ama la birra, e a Trieste che negli anni ha sempre apprezzato le nostre produzioni», affermano dal birrificio.

Un prodotto a cui il birrificio pensava da tempo, con l’obiettivo di farlo apprezzare sia dai triestini che dai tanti visitatori di passaggio in questa città storicamente “di incontro”; nonché in generale dal pubblico di appassionati di birra artigianale. 

«Le sperimentazioni per Àila si sono protratte per diversi mesi - raccontano i due birrai, Giulio Ceschin Michele Barro - basandosi non solo sull’esperienza ventennale e sulla nostra sensibilità personale, ma anche sulla leggerezza del vivere e sul gusto tipicamente triestino che negli anni abbiamo studiato. Con questa birra abbiamo voluto interpretare l’anima triestina, il DNA di città di mare e multiculturale; dove si incontrano artisti, poeti, scienziati e gente comune, in un susseguirsi continuo e frizzante di relazioni. E ci auguriamo che chi la beve riconosca questa impronta».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Àila sarà distribuita a partire dal 3 maggio, a Trieste e in Friuli Venezia Giulia.

Commenti (0)
Comment