Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Guarda le foto on line

Cultura e Spettacolo
11 aprile 2019

"Linea Verde" tra i Bastioni UNESCO di Palmanova

di redazione (fonte Comune di Palmanova)
Le riprese tra gallerie, mura e Piazza Grande. Ricostruita l’Osteria dei Rievocatori per preparare le trippe
CONDIVIDI
29215
(ph. Comune di Palmanova)
Cultura e Spettacolo
11 aprile 2019 di redazione (fonte Comune di Palmanova)

Il programma di RAI 1 “Linea Verde” ha scelto di dedicare uno speciale alla città di Palmanova.

Accompagnata dalla presentatrice Daniela Ferolla, la troupe si è dedicata alle riprese delle tre cinte murarie dei Bastioni UNESCO, delle gallerie di contromina, della Loggia di Bastione Garzoni e di Piazza Grande.

Ospite e cicerone della puntata Carlo Cambi, insegnante all’Università di Macerata di Teorie e politica del turismo, autore de “Il Gambero Rozzo” e, in passato, caporedattore delle pagine di economia di Repubblica, fondatore de "I Viaggi di Repubblica" oltre che giornalista per Panorama, Epoca, l’Espresso e Il Giornale.

Il programma andrà in onda domenica 5 maggio su Rai1, dalle 12.20. Durante la puntata, oltre che di Palmanova si parlerà di Gorizia e Isontino.
Grazie a una collaborazione tra Comune di Palmanova, Gruppo Storico Città di Palmanova e Compagnia d’Arme Malleus, è stata ricostruita un’osteria del 1600 all’interno della Loggia di Bastione Garzoni dove il cuoco Cristiano Tavano ha potuto mostrare la preparazione delle trippe, tipiche del mercato del lunedì in piazza.

I sette mezzi della produzione RAI si sono prima di tutto concentrati sulle gallerie di contromina tra Porta Cividale e Porta Udine: qui un incontro tra una guarnigione delle milizie secentesche veneziane e la presentatrice della trasmissione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopo una vista nei cunicoli, sui bastioni e uno scorcio aereo sulla nota forma di stella a nove punte della città, la compagnia ha deciso di rifocillarsi in una locanda tipica del tempo. A seguire un passaggio attraverso le porte monumentali e sui Borghi per poi giungere alla Piazza D’Armi, la centrale Piazza Grande, tra i palazzi veneziani, lo Stendardo e il Duomo Dogale.

Commenti (0)
Comment