Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

In seguito alla recente ondata di maltempo

Attualità
09 novembre 2018

La pesca del FVG rischia il colpo di grazia

di redazione (fonte Co.Ge.Mo.)
Il consorzio Co.Ge.Mo. lancia l'allarme: strage di vongole e cappelunghe, chiediamo aiuto alla Regione
CONDIVIDI
27354
Bibi spiaggiati
Attualità
09 novembre 2018 di redazione (fonte Co.Ge.Mo.)

L’eccezionale ondata di maltempo dei giorni scorsi rischia di dare il colpo di grazia ai pescatori regionali di vongole e cappelunghe in mare, distruggendo le specie che fino a pochi anni orsono rappresentavano una delle eccellenze del territorio friulano.

Nel recente passato, per cause tuttora sconosciute, queste due specie di molluschi si erano notevolmente ridotte sul territorio, rischiando quasi la scomparsa. Negli ultimi due anni i pescatori del Co.Ge.Mo. (Consorzio per la gestione della pesca dei molluschi bivalvi nel Compartimento Marittimo di Monfalcone), che ha in gestione i banchi naturali delle specie in mare, affiancati dalla Regione e dalle Associazioni di Categoria (Confcooperative/Fedagripesca e Legacoop), avevano dato vita a un’attività di rivivificazione dell’area marina con reintroduzione della vongola “peverassa” in alcune aree produttive, monitorandola con continuità per verificare accrescimenti e salubrità del prodotto.

Inoltre, allo scopo di preservare lo stock riproduttivo, avevano praticato anche una gestione delle cappelunghe. Al fine di produrre un reddito capace di mantenere vive le imprese e l’economia ittica regionale, infine, i pescatori avevano avviato anche una nuova pesca, quella dei “bibi”, vermi utilizzati quale esca da pescasportivi. Ora, il maltempo dei giorni scorsi ha vanificato tutti questi sforzi e rischia di incidere sull’intero sistema della pesca in regione.

I soci del Consorzio avevano già espresso forti preoccupazioni trovando, prima ancora di andare in mare per effettuare le battute di pesca, una gran quantità di “bibi” spiaggiati. La conferma della “strage” l’hanno avuta quando si sono recati a pescare: il prodotto che consentiva di produrre un pur minimo reddito era praticamente scomparso. Oltre alla forza del mare, i consistenti apporti di fanghi trasportati dalle piene dei fiumi hanno sommerso e fatto strage di vongole, cappelunghe e “bibi”. Le mareggiate hanno avuto un effetto molto negativo anche per un’altra specie pescata delle imprese associate al Co.Ge.Mo.: i fasolari. Una valutazione per eventuali danni riportati da questa risorsa ittica potranno essere verificati nei prossimi giorni quando, in condizioni meteomarine più tranquille, si potranno effettuare attività di pesca in sicurezza per gli equipaggi e i motopescherecci.

Il presidente del Consorzio, Achille Ghenda, è molto preoccupato e teme che le imprese non reggano questo ulteriore e devastante calo di prodotto e, quindi, di reddito. Ricorda infatti che i tempi dalla riproduzione alla taglia commerciale delle specie affidate in gestione al Co.Ge.Mo. sono di circa quattro anni e, quindi, si rischia un grande intervallo di tempo senza reddito.

Ghenda auspica, pertanto, un intervento immediato da parte della Regione e del Mipaaft per il riconoscimento dello stato di calamità naturale e del riconoscimento dello stato di crisi del comparto. Auspica, inoltre, che alcuni interventi possano consentire alle imprese di reggere questo momento negativo in attesa di riprendere una normalità e un apporto all’economia ittica regionale nonché assicurare un prodotto buono, salubre e sicuro ai consumatori.

Commenti (0)
Comment