Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Nell’ambito del progetto IM.PRE.CO.

Attualità
07 agosto 2018

Visita studio a Creta, Staranzano seleziona tre partecipanti

di redazione (fonte Comune di Staranzano)
Possono proporsi tutti i portatori d'interesse collegati alla Riserva Naturale Foce dell’Isonzo. Partenza a settembre
CONDIVIDI
26406
Scorcio di Creta (ph. pixabay.com)
Attualità
07 agosto 2018 di redazione (fonte Comune di Staranzano)

Il Comune di Staranzano, nell’ambito del progetto IM.PRE.CO. – Programma ADRION, che lo vede alla guida di un partenariato di 7 soggetti provenienti da Italia (Comune di Staranzano, Veneto Agricoltura, Università del Salento), Albania, Slovenia, Croazia, Grecia – sta predisponendo,  tramite un bando pubblicato sul sito del Comune (www.comune.staranzano.go.it) un elenco di portatori d’interesse della Riserva Naturale Foce dell’Isonzo allo scopo di «rendere effettivo  a tutti i livelli il coinvolgimento della comunità locale, già sperimentato due anni fa con il forum della Scuola provinciale dell’acqua – come sottolinea l’assessore ai Finanziamenti europei del Comune di Staranzano Serena Francovig – nella salvaguardia di questa area naturale di primaria importanza». 

Un primo passo è conoscere e condividere le buone prassi nella gestione di altre aree naturalistiche e proprio per questo 12 soggetti selezionati tramite il bando parteciperanno alle 4 visite studio (3 partecipanti per ogni visita) programmate nell’ambito del progetto a partire da settembre 2018: Grecia (Regione di Creta), Croazia (Dalmazia), Albania (Scutari) e Puglia (Salento) le mete previste. Durante le visite si potranno conoscere gli aspetti relativi alla gestione, i punti di forza e le criticità di ogni area naturalistica, confrontandosi con esperti e portatori d’interesse dei partner coinvolti nel progetto. Inoltre, a partire da settembre, il Comune di Staranzano costituirà un tavolo di lavoro dove i portatori d’interesse verranno invitati a prendere parte alle iniziative promosse dal progetto IM.PR.ECO., compresa la sperimentazione delle pratiche di gestione identificate negli altri territori o proposte dagli stessi partecipanti con lo scopo non solo di migliorare la conservazione degli ecosistemi ma anche di incrementare i benefici a favore delle proprie attività economiche in un’ottica di sostenibilità e accesso equo alle risorse.

Chi sono i potenziali portatori di interesse collegati alla Riserva? Non solo chi lavora direttamente nella gestione di quest’area protetta ma tutti coloro che hanno relazioni, economiche o sociali, con gli ambienti naturali che la compongono come, ad esempio, operatori turistici, operatori agricoli, imprese della pesca, associazioni culturali e ambientali, guide turistico ambientali, rappresentanti di associazioni di categoria, consorzi, ricercatori, rappresentanti di istituzioni locali e regionali. Tra questi candidati, verranno selezionati i primi 3 partecipanti alla Visita Studio all’Isola di Creta del 26-27-28 settembre 2018 dove l’amministrazione regionale accompagnerà le diverse delegazioni nella visita delle aree protette locali. 

Per i soggetti selezionati, che devono avere una buona conoscenza della lingua inglese e dimostrare il loro specifico collegamento con la Riserva Foce dell’Isonzo, è previsto il rimborso delle spese di viaggio, vitto e alloggio.

Le successive visite studio sono previste a marzo 2019 (Albania), settembre 2019 (Croazia) e aprile 2020 (Puglia). Le domande possono essere presentate fino a venti giorni prima della data prevista per la visita. Le date dettagliate saranno rese note al più presto.

Tutta la documentazione è disponibile sul sito web del Comune di Staranzano.

Commenti (0)
Comment