Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Chiara Calligaris

Sport
01 giugno 2018

Il richiamo del vento

di Livio Nonis
Dopo aver vinto titoli europei e mondiali, partecipando anche a un’Olimpiade, l’atleta monfalconese conserva ancora intatto l’amore per il mare: «È il mio rifugio e la mia droga»
CONDIVIDI
25598
Chiara Calligaris in azione sul Lago di Garda
Sport
01 giugno 2018 di Livio Nonis Image

Chiara Calligaris, quattro volte campione del mondo di classe Europa, due assoluti e due juniores (a Oxelosund, Svezia, nel 1990 e a Livorno nel 1991), campionessa europea nel 1991, olimpionica a Pechino nel 2008, oltre a moltissime vittorie e piazzamenti nelle più prestigiose regate internazionali nel suo palmares, a 46 anni la passione per la vela che aveva da bambina non si è ancora sopita e la sua carica agonistica è rimasta intatta. Quando c’è una competizione importante nell’Adriatico e nel golfo di Trieste, lei ci si tuffa, come accaduto negli ultimi campionati del mondo disputati lo scorso anno a Muggia.

Nata a Gorizia, originaria di Monfalcone, laureata in Scienze Geologiche con un Dottorato di ricerca in Geomatica e Sistemi Informativi Territoriali, è stata per tre mandati consecutivi presidente dell’Associazione Nazionale Atleti Azzurri d’Italia della Sezione di Gorizia. Ha fatto inoltre parte per un quadriennio della giunta regionale del CONI. È socia dello Yacht Club Adriaco di Trieste, è vicepresidente dell’Associazione ASD Le Stelle ed è ricercatrice in geologia applicata presso il Dipartimento di Matematica e Geoscienze all’Università di Trieste.

Chiara, riavvolgiamo il nastro dei ricordi: quando ha iniziato a praticare la vela?

«Ero davvero un cucciolo, avevo otto anni: mia mamma mi portava sulla spiaggia di Marina Julia a fare le passeggiate e a prendere “aria buona”, come si diceva all’epoca. In un pomeriggio di ottobre, con il cielo plumbeo e una bora forte, in acqua c’erano tantissime vele colorate: i ragazzi con i windsurf si stavano divertendo moltissimo. Ingenuamente dissi a mia mamma che mi sarebbe piaciuto molto essere là in mezzo. Mi rispose che il mare è pericoloso, che va rispettato, che bisogna imparare a conoscerlo, che bisogna andare a scuola. E io risposi: “Ma se c’è una scuola, mi mandi?”. E da lì tutto ha avuto inizio… Il primo corso in Optimist a 10 anni e a 14 anni i primi podi nazionali».

Dopo tanti anni di gare e di agonismo nei mari di tutto il mondo, dove trova la voglia di mettersi in discussione ancora, partecipando a competizioni di grande intensità?

«Amo vivere il mare a 360 gradi. È la mia vita, è quello che mi dà energia, che tutte le volte quando sono giù di morale mi dà conforto, è in sostanza il mio rifugio e la mia droga. Ma purtroppo non mi dedico più all’agonismo anche se un’agonista lo è sempre, dentro il mondo dello sport ma anche fuori. Ogni volta che posso scappo a rifugiarmi nel mio mare per navigare. Se poi si tratta di competizione, meglio: mi stimola di più…»

Vista dalla sua esperienza e dai suoi trascorsi, come appare la situazione della vela in Friuli Venezia Giulia?

«Siamo da sempre una regione un po’ speciale, nel senso che la vela è stata per alcuni periodi uno sport quasi popolare. Molti erano i giovani atleti che si cimentavano in Optimist. Con la crisi economica c’è stata una contrazione del movimento. Le strutture però sono di qualità, così come gli allenatori e i dirigenti, quindi sono fiduciosa che i numeri torneranno a crescere».

E a livello nazionale?

«La situazione non è molto rosea. Gli atleti che si cimentano in questo sport sono diminuiti parecchio e soprattutto c’è un elevato tasso di abbandono che coincide spesso con il cambio di classe e con l’adolescenza. I Club lungo la costa del Friuli Venezia Giulia stanno lavorando molto su questa tematica, ma non è facile. Un grande aiuto per gli atleti di livello invece è dato dalle forze dell’ordine che arruolano i ragazzi e le ragazze nei gruppi sportivi, dando loro la possibilità di avere un reddito e di allenarsi con serenità e continuità».

Per richiamare i giovani sarebbe importante un’attività di divulgazione nelle scuole: da quanti anni si può iniziare a praticare la vela?

«Si inizia a 7-8 anni con gli Optimist. Sono tanti gli allenatori che si occupano di divulgazione all’interno delle scuole primarie, per cui direi che c’è abbastanza informazione, anche se tutto è lasciato all’iniziativa del singolo. Sarebbe importante richiamare i giovani facendoli salire in barca e dando loro l’opportunità di provare l’emozione, la gioia e la libertà che trasmette il navigare. Se si riesce a creare un minimo di interesse saranno loro a chiedere ai genitori di portarli a fare vela».

Quale consiglio darebbe a un giovane che inizia questo sport?

«Di non demordere e di divertirsi sempre. La vela è uno sport complesso che richiede una maturità mentale e un impegno fisico notevole. È però anche uno sport “longevo”, nel senso che può essere praticato a tutte le età, naturalmente con intensità diverse. Non bisogna scoraggiarsi se non si ottengono subito i risultati, bisogna essere tenaci e caparbi oltre che amanti della natura. È uno sport che fa diventare molto responsabili. Bisogna prendersi cura del proprio mezzo che deve essere sempre performante, ci si deve rapportare con gli elementi e pertanto anche con se stessi e con le proprie paure. È sicuramente uno sport totalizzante».

Commenti (0)
Comment