Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

L'abbigliamento della linea Naonis

Società
31 luglio 2017

Da Casarsa lo spumante da... indossare

di redazione (fonte Ufficio stampa La Delizia)
Tshirt, canotte e cappellini: dal merchandising la nuova frontiera del vino friulano
CONDIVIDI
20554
Società
31 luglio 2017 di redazione (fonte Ufficio stampa La Delizia)

Lo spumante made in Friuli non solo come piacere da gustare in calice ma anche come abbigliamento da indossare: le bollicine stanno diventando un vero e proprio stile di vita, capace di avviare nuove forme di comunicazione, condivisione e pure tendenze di moda. Ne sono convinti ai Viticoltori Friulani La Delizia, cantina friulana di Casarsa della Delizia che sta vivendo un boom di richieste della sua linea di spumanti chiamata Naonis. I numeri parlano di oltre un milione di bottiglie vendute all’anno e accanto al Prosecco si sta consolidando lo Jadér Cuvée, creato da zero direttamente dalla cantina casarsese, sia per l'uvaggio che per il nome e il packaging, con la silhouette della bottiglia e l’etichetta dal verde caratteristico facilmente riconoscibili.

“Sta diventando il nostro prodotto simbolo - ha spiegato il presidente dei Viticoltori Friulani La Delizia Flavio Bellomo -, visto che siamo gli unici a produrlo. La domanda è in crescita e oltre alla qualità dello spumante abbiamo notato che piace sempre più anche il messaggio che porta, legato al divertimento e al piacere di stare insieme consumando un vino di qualità”. 

Da qui la decisione di produrre una linea di abbigliamento con il marchio Jadér, con tshirt, canotte e cappellino che sono ora in vendita nel punto vendita della cantina in via Udine a Casarsa e nei negozi di abbigliamento Io Donna e I Marmocchi a San Giovanni di Casarsa.

“Avevamo realizzato dei campioni per alcuni nostri eventi aziendali - ha aggiunto Bellomo - e abbiamo notato che sono stati molto apprezzati. Per questo motivo abbiamo deciso di realizzare una prima serie che pensiamo possa essere apprezzata anche dagli enoturisti che visitano Casarsa. Siamo convinti che il merchandising del nostro marchio possa avere degli interessanti sviluppi commerciali e aprire all’intero mondo del vino friulano nuove strade da percorrere”.

Commenti (0)
Comment