Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Dal 19 al 26 luglio annunciato il festival

Cultura e Spettacolo
26 giugno 2017

Le Valli del Natisone diventano palcoscenico diffuso

di redazione (fonte Ufficio stampa Volpe Sain)
Una nuova formula che punterà sullo scambio umano e artistico fra i protagonisti, il pubblico e la popolazione. Ecco il programma
CONDIVIDI
19913
Elena Guerrini (ph. Ufficio stampa Volpe Sain)
Cultura e Spettacolo
26 giugno 2017 di redazione (fonte Ufficio stampa Volpe Sain)

Ritorna dal 19 al 26 luglio Valli del Natisone in festival, promosso dall’Associazione Puppet FGV in collaborazione con il CTA – Centro Teatro Animazioni Gorizia – e in sinergia con la Regione FVG e i nove Comuni delle Valli del Natisone.

Marionette&Burattini diventa il Festival delle Valli del Natisone/Festival V Nadiških Dolinah, con una formula che ne rilancia il ruolo, il linguaggio espressivo e gli obiettivi.  «È una scommessa importante per l’idea di futuro legata alle Valli del Natisone – spiegano i curatori del Festival, Roberto Piaggio e Fernando Marchiori –. Sulla capacità attrattiva dei luoghi si giocano le opportunità concrete di promozione del territorio del Natisone, forte di una grande tradizione e di un solido patrimonio storico e culturale.  La chiave del festival sarà il dialogo sempre più intenso con le Valli e i suoi abitanti: lo scambio umano e artistico fra i protagonisti, il pubblico e la popolazione; una formula rinnovata per portare ‘in scena’ l’identità delle Valli e integrarla ai nuovi linguaggi scenici».

Fra gli appuntamenti più significativi, quelli legati agli obiettivi di promozione del territorio, di turismo sostenibile e riscoperta delle tradizioni locali, spicca la serataCantare il fronte”, in programma a Cicigolis di Pulfero sabato 22 luglio, alle 21. Il musicista e compositore Giovanni Dell’Olivo con il Collettivo di Lagunaria proporrà un percorso fra i fronti della Grande guerra, nei luoghi che ne furono teatro: all’insegna dei canti di testimonianza, anarchici e libertari, in dialogo con il coro Nediski Puobi, il più antico e noto delle Valli del Natisone, che introdurrà la serata e sarà in scena per alcuni pezzi con gli artisti ospiti.

A Lase di Drenchia, giovedì 20 luglio, è in programma tutta una giornata dedicata agli Orti nelle Valli, con visite agli orti di alcuni paesi guidate dagli stessi abitanti, a cura dell’associazione Kobilja glava. In serata ecco lo spettacolo “Orti insorti”, della econarratrice Elena Guerrini, alla quale farà seguito la premiazione del miglior orto dei paesi coinvolti e l’epilogo succulento a tavola, con il minestrone cucinato nel corso dello spettacolo: la materia prima, naturalmente, arriverà dagli orti locali.

E ancora, il 26 luglio a Sorzento, alle 21.30, la serataPasticceri” con la performance ambientata in una cucina-laboratorio dove di pari passo con i dialoghi e la narrazione i due protagonisti, Roberto Abbiati e Leonardo Capuano, sforneranno vere torte che saranno offerte al pubblico alla fine dello spettacolo. Il tutto nel contesto di una antica corte del paese, racchiusa da edifici contadini con ballatoi di legno, lo stesso luogo che alcuni anni fa vide protagonista Marco Paolini sempre nell’ambito del Festival.

Non mancheranno le performance nel segno del Teatro di Figura, che resterà fra le ispirazioni primarie del festival delle Valli del Natisone, con maestri di fama internazionale, come Gigio Brunello, Is Mascareddas, Gledališče Zapik, e il debutto dello spettacolo “Salamelecchi” del CTA. Info: www.ctagorizia.it 

Commenti (0)
Comment