Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Progetto di ricerca italo-francese

Società
04 aprile 2017

I sistemi di welfare europei alla prova delle nuove immigrazioni

di redazione (fonte Ufficio stampa UniUd)
Studio delle Università di Udine e Tolone sui diritti sociali degli immigrati, alla luce delle crisi internazionali e dell’aumento dei flussi migratori
CONDIVIDI
18786
I ricercatori durante un seminario di lavoro lo scorso marzo all'Università di Tolone
Società
04 aprile 2017 di redazione (fonte Ufficio stampa UniUd)

Uno degli aspetti maggiormente problematici in relazione alla crisi migratoria in Europa riguarda il “costo dei diritti” e l’accesso ai sistemi di welfare dei Paesi europei. La relazione tra cittadinanza, condizione giuridica dello straniero e accesso al welfare state sono al centro del progetto annuale di ricerca “Cittadinanza, immigrazione e diritti: i sistemi di welfare alla prova delle nuove dinamiche migratorie”, condotto dalle Università di Udine e di Tolone (Francia) e finanziato per complessivi 10.750 euro nell’ambito del programma Galileo 2016-2017, che sostiene iniziative di cooperazione universitaria italo-francese. Obiettivo del progetto è quello di indagare il tema dei diritti degli immigrati, in particolare i diritti sociali, attraverso la comparazione dell’esperienza italiana e francese.

«Il rapporto tra cittadinanza, diritti sociali e immigrazione – spiega Laura Montanari, del Dipartimento di Scienze giuridiche dell’ateneo friulano e responsabile scientifica del gruppo italiano del progetto – pone problematiche giuridiche inedite per i sistemi di welfare europei. Concepiti tradizionalmente su base nazionale, nell’attuale fase di crisi economica i loro “confini” sono soggetti a forti trasformazioni dovute, da un lato, alla globalizzazione e all’integrazione degli ordinamenti giuridici, e dall’altro, al livello crescente di “diversità” dovuto all’immigrazione».

Al progetto lavorano il Dipartimento di Scienze giuridiche e il Dottorato di ricerca in Scienze giuridiche dell’Università di Udine con il Centro di Diritto e Politica comparati Jean-Claude Escarras della facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Tolone. Il gruppo di ricerca italiano è composto da Laura Montanari, Elena Valentina Zonca, Francesco Emanuele Grisostolo e Henrique Savonitti Miranda; quello francese da Caterina Severino, Stéphanie Beckerich Davilma e da Lisa Mede.

L’approccio comparato dello studio «offre – spiega Montanari – una pluralità di prospettive di analisi utili per cogliere la complessità delle nuove forme della cittadinanza sociale nell’era della globalizzazione e della crisi migratoria in Europa. Inoltre, aiuterà a mettere a fuoco le criticità del processo di convergenza delle legislazioni nazionali sull'immigrazione e più in generale dei sistemi di tutela dei diritti a livello europeo».

Il progetto si articola, in particolare, in linee di ricerca tematiche riguardanti diversi aspetti della relazione tra cittadinanza, diritti sociali e immigrazione, tra cui il diritto alla salute, il diritto all’abitazione, il diritto all’istruzione e l’accesso alle prestazioni sociali, anche in prospettiva di genere e con una particolare attenzione alle categorie vulnerabili di migranti, come i “lavoratori invisibili”. L’attività di ricerca, che si svilupperà lungo tutto l’anno 2017, prevede incontri intermedi a carattere seminariale, un convegno conclusivo ed una specifica pubblicazione collettanea finalizzati alla disseminazione dei risultati conseguiti.

Commenti (0)
Comment