Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Con il progetto "Intercultura"

Attualità
17 marzo 2016

Studenti del mondo in visita a Trieste

di Rosanna Ferfoglia
Provenienti da Thailandia, Cina, Messico, Paraguay, Stati Uniti e Nuova Zelanda per una settimana hanno interagito con i coetanei giuliani. Venendo ricevuti in municipio.
CONDIVIDI
13350
I giovani di Intercultura ricevuti in municipio a Trieste (ph. Comune di Trieste)
Attualità
17 marzo 2016 di Rosanna Ferfoglia

Un gruppo di studenti provenienti da Thailandia, Cina, Messico, Paraguay, Stati Uniti e Nuova Zelanda, in visita a Trieste assieme ai volontari di “Intercultura”, sono stati accolti oggi, nella Sala del Consiglio Comunale, dal sindaco Roberto Cosolini con l'assessora all'Educazione, Scuola e Università, Antonella Grim.

Erano presenti anche i ragazzi vincitori di borse di studio Intercultura, 5 in tutto, accompagnati dalla Responsabile Scuola di Intercultura Trieste, Isabella Pallaver, e che partiranno per Finlandia, Stati Uniti, India, Danimarca e Costa Rica.

Intercultura nacque per iniziativa di un gruppo di volontari che avevano vissuto esperienze interculturali all'estero e ne avevano apprezzato il potenziale educativo e la carica innovativa rispetto ai programmi scolastici tradizionali. Istituita ente morale (con decreto del Presidente della Repubblica n. 578 del 23 luglio 1985 e riconosciuta Organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) in virtù della legge n. 460 del 4 dicembre 1997, opera attraverso diversi volontari: insegnanti, studenti, famiglie, cittadini interessati all'innovazione educativa.

Nei mesi tra febbraio e aprile 2016, i volontari di Intercultura di tutta Italia organizzano incontri con le autorità e le scuole di diverse città e manifestazioni aperte al pubblico, per dare l'opportunità agli studenti provenienti da 60 Paesi del mondo, accolti in Italia per un programma di vita e di studio nella nostra penisola, di interagire con i primi cittadini per parlare di cosmopolitismo e cittadinanza attiva, di confrontarsi con i propri coetanei durante momenti di riflessione a loro dedicati nelle scuole, ma anche di scoprire natura e tradizioni della nostra terra.

La settimana interculturale organizzata dai volontari è stata inserita all'interno del programma della XII settimana nazionale contro il razzismo dell’Unar (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari opportunità). 

 

Commenti (0)
Comment