Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Nasce BioHighTech NET

Attualità
02 marzo 2016

Rete d'impresa regionale tra aziende del settore Smart Health

di Michele Da Col
Prima realtà nel settore in Friuli Venezia Giulia, raggruppa 17 aziende dei campi industriali biomedicale, biotecnologico e bioinformatico.
CONDIVIDI
13116
La presentazione della nuova rete d'impresa (ph. Studio Sandrinelli)
Attualità
02 marzo 2016 di Michele Da Col

BioHighTech NET è la prima rete d'impresa regionale in Friuli Venezia Giulia tra aziende attive nello Smart Health, che comprende i settori industriali biomedicale, biotecnologico e bioinformatico, nata con l'obiettivo di stimolare la collaborazione tra realtà imprenditoriali; di coordinare le reciproche attività di ricerca, progettazione, esecuzione e brevettazione di idee innovative; di costituire nuove relazioni/reti commerciali nazionali e internazionali; di accrescere individualmente e collettivamente la capacità innovativa e la competitività sul mercato dei propri prodotti/servizi; di facilitare l'accesso a fonti di finanziamento regionali, nazionali e comunitarie. Un progetto che coinvolge imprese di dimensioni e capacità produttiva differenti, che mettendo a sistema conoscenze e competenze, vuole contribuire allo sviluppo, all'innovazione e alla competitività delle realtà aderenti e più in generale dell'intero settore.

La rete, creata con la promozione di Biovalley Investments spa e il supporto di CBM - Consorzio per la Biomedicina Molecolare e di Confindustria Venezia Giulia, è il culmine di un percorso avviato lo scorso anno, che ha già visto una presentazione pubblica con il BioHighTech Companies Day del 25 settembre in occasione di Trieste Next 2015, ed è stata formalizzata da 17 aziende del Friuli Venezia Giulia, che afferiscono a vario titolo agli ambiti biomedicale, diagnostica in vivo ed in vitro, informatica medica e bioinformatica, terapie innovative, ambient-assist living.  BioHighTech NET, presieduta da Diego Bravar, ha sede a Trieste presso Confindustria Venezia Giulia, e verrà ulteriormente allargata nelle prossime settimane ad altre aziende della regione.

BioHighTech NET nasce dalla considerazione che il comparto industriale Smart Health del Friuli Venezia Giulia è poco conosciuto, pur essendo contraddistinto da numeri importanti: oltre 150 aziende, alcune con una “tradizione” importante e consolidata, attive nei settori tradizionali della Sanità, Sociale, Domotica, Chimico, Farmaceutico, Cosmetico, Agroalimentare e Ambientale; 5.000 addetti; un fatturato di quasi 800 milioni di euro; un mercato di riferimento di respiro internazionale e in costante crescita. Un comparto strettamente collegato all'ambito della Salute, settore fondamentale per il benessere dei cittadini, sul quale ogni Stato è chiamato ad agire per consentire la qualità della vita, l’invecchiamento attivo della popolazione (active & healthy aging) e il miglioramento delle condizioni di vita.

BioHighTech NET punta ad accelerare ulteriormente o sviluppo del settore, i particolare attraverso il raggiungimento dei seguenti obiettivi: coordinamento e sviluppo della domanda di innovazione nei sistemi di impresa a elevato contenuto tecnologico e BioHighTech; svolgimento di attività di promozione imprenditoriale e di fornitura di servizi commerciali e di assistenza tecnica funzionali anche alla cooperazione economica tra imprese ed enti pubblici e privati; progettazione e realizzazione di iniziative innovative di informazione, formazione e servizi di marketing, come ad esempio la partecipazione a manifestazioni nelle quali si realizzino momenti di carattere promozionale tesi a valorizzare la produzione, l'immagine, l'attività e la professionalità delle imprese del settore BioHighTech e nell’ambito territoriale dell’Alpe Adria, in particolare Friuli Venezia Giulia, Veneto, Trentino-Alto Adige, Austria, Slovenia, Croazia; supporto alle imprese innovative della rete attraverso consulenza manageriale, strategica e di fund raising, in materia finanziaria e anche con l’accesso e gestione degli incentivi regionali, nazionali e comunitari.

Per raggiungere tali obiettivi, il programma di BioHighTech NET prevede quindi, fra l’altro: esercitare attività di ricerca e sviluppo industriale anche partecipando a bandi di ricerca e sviluppo del settore; progettare e realizzare iniziative di informazione, formazione e servizi di marketing attraverso la realizzazione del portale BioHighTech-Net; promuovere le attività delle imprese aderenti alla rete, agevolando l'accesso a tutti i servizi utili per lo svolgimento delle proprie attività; assistere l'avvio delle start-up del settore e l’ampliamento delle attività delle imprese aderenti attraverso la ricerca di soluzioni finanziarie e logistiche.

“Il settore BioHighTech è contraddistinto da “numeri” molto interessanti: la sola area del Biomedicale (MedTech) ha un fatturato globale pari a circa 300 miliardi di dollari, con un tasso di crescita negli ultimi 5 anni del +4% in Europa. Le biotecnologie rappresentano un mercato di 161 miliardi di dollari con un tasso di  crescita del 9,8%; il settore bioinformatico (HealthcareIT) pari a 162 miliardi di dollari in crescita del 10% negli ultimi 5 anni. Per questo motivo BioHighTech NET rappresenta una rete particolarmente interessante per le aziende che vi hanno già aderito e che lo vorranno fare, perché consentirà loro di rafforzarsi, di crescere ulteriormente e di aumentare la propria competitività in un mercato molto promettente” ha affermato Diego Bravar, presidente di BioHighTech NET.

Commenti (0)
Comment